ricerca iscritti

Indagini e sondaggi

Indagini e sondaggi


SALUTE: CENSIS, 40% ITALIANI SEDENTARI, MALE DEL SECOLO MA CURABILE Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - Italiani amanti dello sport, ma anche improvvisatori. Il 60% degli italiani pratica attività fisica, ma di questi soltanto il 45% ha un esperto di riferimento: un medico o un allenatore. Quindi più della metà di coloro che fanno attività sportiva, improvvisa senza il parere di un esperto. Tra le persone sedentarie, che invece non fanno nessun tipo di attività sportiva (il 40% degli italiani), solo il 21% non ha nessuna voglia di muoversi, mentre il 47% si dice possibilista all'idea di vincere la pigrizia. Il dato più significativo è che il 30% dei sedentari comincerebbe a fare attività fisica se avesse i consigli giusti da un esperto. È quanto emerge dalla ricerca 'Sport, medicina e società italiana' del Censis presentata oggi al 34esimo Congresso nazionale della Federazione medico sportiva italiana dal presidente del Censis, Giuseppe De Rita.Dall'esercizio fisico viene la buona salute. Per il 42,5% degli italiani la finalità dell'organizzazione sportiva consiste nel migliorare la salute collettiva: una percentuale quasi doppia rispetto a chi ritiene che l'obiettivo sia quello di creare nuovi campioni (24%), mentre il 27% si aspetta che lo sport contribuisca a rafforzare la coesione sociale."Chi fa attività fisica, non solo si prende cura del suo corpo, ma impara a fare i conti con ciò che realmente è al di là di ciò che vorrebbe essere. Al contrario del sedentario, che invece non solo trascura il suo organismo, ma si può dire che nemmeno lo conosce. La sedentarietà è davvero la malattia del secolo, perché è la patologia dell'individuo che, chiuso nel suo soggettivismo, per non scontrarsi coi suoi limiti nemmeno conosce le sue potenzialità", ha concluso De Rita.
LAZIO: ROMA, CONGRESSO ALL'UMBERTO I SULLE URGENZE OFTALMOLOGICHE Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - Domani il Policlinico Umberto I di Roma ospita il Congresso 'Urgenze oftalmologiche: dalla diagnosi alla terapia', organizzato dal Dipartimento di organi di senso del Policlinico-Università Sapienza di Roma. L'evento è curato dalla professoressa Elena Pacella, direttore del Pronto soccorso oculistico del Policlinico. L'obiettivo è proporre e sviluppare una riflessione più attenta sul tema delle urgenze oftalmologiche, attraverso l'approfondimento di argomenti e ultime novità diagnostiche terapeutiche. Nell'ambito del Congresso verrà presentato il Protocollo nazionale 'Retinal Thrombosis and Atheroscleros (Heart Vision)'.
EBOLA: OMS, RESTA EMERGENZA SANITARIA PUBBLICA INTERNAZIONALE Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - L'epidemia di Ebola, che sta flagellando l'Africa occidentale, "rimane un'emergenza di salute pubblica di livello internazionale". E' l'indicazione con cui si è conclusa la due giorni di riunione del Comitato d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità, fatta propria dal direttore generale Margaret Chan. Si raccomanda, inoltre, di mantenere e potenziare gli "screening in uscita da Liberia, Guinea e Sierra Leone, in modo da evitare l'esportazione dei casi" di Ebola, e di "evitare limitazioni ai viaggi e al commercio", che avrebbero solo un pericoloso effetto boomerang.Gli esperti hanno dunque confermato il livello d'allerta dichiarato l'8 agosto scorso, sempre dopo una riunione del Comitato d'emergenza, visto il continuo aumento dei casi nei tre Paesi africani massicciamente colpiti: "La situazione in Guinea, Liberia e Sierra Leone continua a destare grande preoccupazione", si sottolinea. A questi si sommano i casi 'd'importazione', e non solo, registrati in Spagna e Stati Uniti.La priorità, per il Comitato, rimane "fermare la trasmissione di Ebola nei 3 Paesi a intensa diffusione. E' l'azione più importante per prevenire la diffusione internazionale". Si consiglia inoltre "un'attenzione specifica ai bisogni degli operatori sanitari, anche attraverso un monitoraggio delle loro condizioni di salute. Questo incoraggerà più operatori a prestare assistenza".
LAZIO: AL FATEBENEFRATELLI NUOVO TEST RAPIDO HPV, ESAME GRATIS A 100 DONNE Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - Appena un'ora di attesa e il risultato è pronto. Questi i tempi del nuovo test del Papillomavirus (Hpv Test-Dna Screening) ora disponibile all'ospedale Fatebenefratelli all'Isola Tiberina di Roma: è uno screening ad alta precisione ed elevata sensibilità, in grado di individuare in 60 minuti i ceppi dell'Hpv umano (Hpv) considerati 'ad alto rischio' per lo sviluppo di patologie tumorali del collo dell'utero. Sabato 25 ottobre, dalle 14, l'ospedale accoglierà circa 100 donne per uno screening gratuito con prelievo, utilizzando la nuova tecnologia. Nell'attesa dei risultati, le pazienti verranno intrattenute con momenti dedicati all'informazione e alla prevenzione (prenotazioni allo 06-6837898)L'ospedale - informa una nota - è al momento l'unica struttura nel Lazio in grado di offrire questo nuovo esame, altamente sensibile e in grado di ridurre di molto i tempi di risposta del test. Lombardia (Centro diagnostico italiano) e Sardegna (Asl di Nuoro e di Ozieri, Sassari) sono le sole altre regioni che attualmente mettono a disposizione lo stesso servizio a risposta rapida.Sono 14 i genotipi del Papillomavirus umano individuati come 'pre-cancerogeni': in particolare, le varietà 16, 18 e 45 dell'Hpv risultano associate a circa il 75% dei casi di tumore della cervice uterina. Serve un prelievo di cellule cervicali, un semplice tampone, e il nuovo screening è in grado di individuare con una tecnologia all'avanguardia, quasi in tempo reale, il Dna dell'Hpv ad alto rischio: un deciso passo avanti rispetto alle tecnologie attualmente disponibili, che raggiungono risultati di minore affidabilità, in tempi notevolmente più lunghi (7-10 giorni). Qualora il test risultasse positivo, la donna potrà essere indirizzata senza ulteriori ritardi alle pratiche ginecologiche del caso, con conseguente esecuzione della colposcopia in tempi rapidi. E' possibile eseguire il test dal lunedì al venerdì (ore 7.30-14.45) e sabato (7.30-11.00), nella sala prelievi dell'ospedale Fatebenefratelli all'Isola Tiberina.
MEDICINA: PREMIO 'MEDICO DELL'ANNO' A VOLONTARI SOCCORSO ORDINE MALTA Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - Il premio 'Medico dell'anno', promosso dalle Giornate della Scuola Medica Salernitana, sarà assegnato ai medici volontari del Corpo italiano di soccorso dell'Ordine di Malta "per aver prestato aiuto e soccorso nel corso degli sbarchi a Lampedusa". L'evento è organizzato dall'Ordine dei medici e degli odontoiatri della provincia di Salerno ed è in programma domani. "Degna di alto apprezzamento - si legge nella motivazione - la loro partecipazione attiva e la elevata competenza nel complesso scenario mediterraneo alle missioni umanitarie di soccorso e assistenza del 'Progetto Lampedusa' e 'Mare Nostrum', in favore di intere popolazioni di migranti alla disperata ricerca della libertà. Mirabile esempio di sacrificio, dedizione e impegno".Nella stessa giornata saranno consegnati: il Premio alla ricerca scientifica a Ruggiero De Maria Marchiano, direttore scientifico dell'Istituto Nazionale Tumori 'Regina Elena' di Roma, docente di biotecnologie oncologiche presso vari Atenei italiani, che ha condotto numerose ricerche in campo oncoematologico. Il Premio per la storia della Medicina a Iolanda Ventura, studiosa che ha conseguito risultati straordinari in Italia e all'estero, conducendo ricerche originali e brillanti sulla Scuola Medica Salernitana. Il premio alla carriera in Odontoiatria verrà conferito a Nicola Perrini, medico-chirurgo, specialista in odontoiatria e stomatologia, componente della American Association of Endodontists e della Societè Francaise d'Endodontie.Infine il Premio alla ricerca in odontoiatria andrà a Adriano Piattelli, ordinario all'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti-Pescara, direttore del Servizio di Odontostomatologia, presidente del Corso di Laurea Specialistica in Odontoiatria e protesi dentaria. Mentre sabato è previsto il convegno internazionale 'I molteplici volti delle cellule staminali'.
SANITA' LAZIO: SANTORI, CHIAREZZA SU RIMBORSI SPOSTAMENTI DIRIGENTI ASL Roma, 23 ott. (AdnKronos Salute) - "Sugli spostamenti con mezzi propri dei dirigenti e dei dipendenti Asl occorre vederci chiaro. Ecco un altro capitolo della spending review di Nicola Zingaretti alla Regione Lazio. E' una questione di responsabilità e anche di efficienza, come dice giustamente il presidente del Consiglio Matteo Renzi, su cui i cittadini hanno la necessità di vedere tutelati i principi di economicità ed efficacia dell'azione amministrativa". E' quanto afferma in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio e membro della commissione Salute, nel presentare un'interrogazione in cui si chiedono precisazioni sui tempi e sulle modalità con cui avvengono gli spostamenti dei dipendenti Asl, sulla loro utilità e sui relativi rimborsi da parte della collettività."Nello specifico nell'interrogazione chiediamo quali siano i costi in il bilancio delle varie Asl derivanti della pratica di consentire ai lavoratori di utilizzare i mezzi privati per effettuare spostamenti legati alle attività d'ufficio. Quali - continua - siano i risparmi e come sono stati calcolati rispetto all'utilizzo dei mezzi pubblici. Quali siano i costi in termini di tempo impiegato per realizzare gli spostamenti e se si siano registrati sinistri che hanno coinvolto personale alla guida del mezzo di proprietà in orario di servizio. Inoltre - conclude - si richiede se non si ritenga opportuno effettuare un attento controllo al fine di evitare che si verifichino viaggi non necessari o motivati da futili ragioni o che possano essere scongiurati con un altro modo di organizzare il servizio, e se non si reputi di modificare le procedure per ridurre al massimo lo spostamento di persone per motivi di lavoro anche con lo sfruttamento di tecnologie informatiche e concentrando il servizio di più procedure con l'occasione di ogni singolo viaggio".
Mar
Ott
14
2014
14 Ottobre 2014
 In allegato il comunicato dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odont...
Mar
Set
23
2014
23 Settembre 2014
In allegato il comunicato dell'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri i...
Ven
Set
19
2014
19 Settembre 2014
L'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri ha organizzato un Corso di agg...
Amministrazione Trasparente new

Link