PROMOZIONE SPECIALE

UNO, NESSUNO E CENTOMILA

di Luigi Pirandello

21  e 28 febbraio ore 20.00

PLATEA € 10

fino ad esaurimento posti disponibili

Ufficio Promozione Pubblico Teatro Eliseo

dal lunedì al venerdì 9.30-13.30 / 14.30-18.30

06/69317099 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Image

Per prenotare a prezzi scontati chiamare 06/94376057 e dire che siete dell'Ordine dei Medici di Roma

 

scuccimarraAUDACI

Info e prenotazioni

Ufficio Promozione del Teatro Eliseo 06 69 31 70 99 –

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari: Lunedì-Venerdì 9.30-13.30/14.30-18.30

>>>>>>PREZZI IN CONVENZIONE<<<<<<<

Image

Ricordando che tutti gli iscritti all'Ordine pagano il biglietto ridotto, vi proponiamo le prossime mostre allestite presso il Palazzo delle Esposizioni:

Cesare TACCHI 7 febbraio – 6 maggio 2018

Il Palazzo delle Esposizioni presenta “Cesare Tacchi. Una retrospettiva”, promossa da Roma
Capitale - Assessorato alla Crescita culturale, ideata, prodotta e organizzata da Azienda
Speciale Palaexpo - Palazzo delle Esposizioni, realizzata in collaborazione con l’Archivio Cesare
Tacchi.
Una mostra monografica, un esercizio di attenzione, di studio e di valorizzazione, che
ripercorre, attraverso le vicende di un artista, le tensioni intellettuali di oltre mezzo secolo.
Al centro del racconto le opere di Cesare Tacchi (1940-2014), al quale la città di Roma rende
omaggio a poco più di tre anni dalla sua scomparsa.
Ritratto dalla critica nel 1959 come “un giovane solitario silenzioso e castigato”, Tacchi,
sebbene fu tra i protagonisti di alcune significative compagini di artisti, non mutò con gli anni il
suo temperamento. Fu proprio questo, forse, che gli permise di stanare le contraddizioni di
alcuni aspetti cruciali della cultura visiva contemporanea e di intraprendere nuove e imbattute
strade. Più di 100 opere tracceranno un percorso ordinato cronologicamente nelle sale del
Palazzo delle Esposizioni.

TacchiESPOSIZIONI

 

HUMAN+.
Il futuro della nostra specie 27 febbraio – 1 luglio 2018

Cyborg, superuomini e cloni. Evoluzione o estinzione? Che cosa vuol dire essere un uomo o
una donna oggi? E come sarà tra cent’anni? Nel frattempo la tecnologia fa passi da gigante.
Dobbiamo continuare ad accettare che la nostra mente, il nostro corpo e la nostra vita
quotidiana vengano modificati o esistono confini che non andrebbero superati?
La mostra HUMAN+. Il futuro della nostra specie esplora i potenziali percorsi futuri
dell’umanità considerando le implicazioni delle tecnologie passate ed emergenti. Il simbolo “+”
in Human+ comporta un orientamento positivo per il futuro della nostra specie. Ma qual è
questo orientamento? Per gran parte del Novecento, il progresso è stato misurato in base
all’incremento di velocità ed efficienza – maggiore rapidità significava più forza ed efficacia –
ma tutto ciò ha avuto come effetto collaterale quello di renderci più grassi, più tristi e più
stanchi. C’è bisogno di ridefinire il concetto di riuscita.
Il XXI secolo sarà caratterizzato dalla convergenza di settori come la biotecnologia, la robotica
e l’intelligenza artificiale. Manipolazione di processi biologici, controllo di apparati meccanici e
digitali, creazione di un’intelligenza non biologica al di sopra e al di là della comprensione
umana: questi progressi sollevano interrogativi di natura etica sull’appropriazione della vita e
l’alterazione dell’io. Le forze convergenti di queste e altre correnti ci porteranno in luoghi nuovi
e sconosciuti.
Dalle provocazioni sottili ai grandi gesti, le opere in mostra ragionano sul modo in cui questi
cambiamenti possono essere adottati e assimilati. Il valore della speculazione, infatti, non sta
nella previsione ma nella riflessione. Per che cosa stiamo lottando?
Consapevolmente o meno, stiamo disegnando il nostro futuro, e ogni disciplina avrà un ruolo in
questo processo. In mostra artisti, designer e scienziati ipotizzano e immaginano molti futuri
possibili. Ora tocca a voi.

HumanESPOSIZIONI

 

SPAMALOT, il musical-parodia della saga di Re Artù e dei suoi cavalieri in cerca del Sacro Graal. SPAMALOT è il musical basato sul film dei Monty Python, “Monty Python e il Sacro Graal”.

La Prima a Chicago, nel 2004, vede David Hyde Pierce come Robin, Hank Azaria come Lancillotto, Tim Curry come Artù e Sara Ramírez come la Dama del Lago.

In scena a Broadway dal 17 marzo 2005, con la regia di Mike Nichols, ha vinto 3 Tony Award tra le 14 candidature ottenute, tra cui quello al miglior musical della stagione 2004–2005.

Elio è la punta di diamante di un cast di grandi professionisti del musical!

INFO E PRENOTAZIONI: Silvia Poerio tel. 06 80687232

>>>>>>PREZZI IN CONVENZIONE<<<<<<

Resultado de imagen de brancaccio spamalot

 

ogni martedì dal 20 febbraio, ore 16 – 17 (6 incontri)

performance finale 7 aprile, orario da definire

Y – LA VARIABILE DEL CALCIO

Y la variabile del calcio 02

un progetto di DYNAMIS in collaborazione con Teatro Biblioteca Quarticciolo e A.S.D. Palestra Popolare Quarticciolo

Y – la variabile del calcio è un laboratorio gratuito per ragazzi e ragazze under 18, un percorso di esplorazione delle dinamiche di gioco e di relazione con l’altro che terminerà il 7 aprile con una performance aperta al pubblico e a tutto il quartiere. Lo spettacolo finale sarà costruito attorno al gioco del calcio con la collaborazione diretta del pubblico. Il campo, destrutturato e trialettico, è stato ideato partendo da un’intuizione situazionista dei primi anni ‘60: impostare il gioco attorno a tre porte anziché due.Il danese Asger Jorn ha teorizzato questa nuova pratica, superando il modello del calcio, così come siamo abituati a conoscerlo. Il campo trialettico invita ad abbandonare il puro approccio competitivo e suggerisce un terzo spazio, una via per fuggire dalla limitata contrapposizione di due ipotesi.Y è un campo esagonale, attraversato da una Y a delimitare le aree, tre porte e tre squadre che si s dano a “chi riceve meno goal”. I giocatori si affrontano quindi non sul piano del convenzionale “noi contro di loro”, ma stabilendo alleanze temporanee e strategiche. La competitività aggressiva è abbattuta dalla ricerca di continue alleanze contro il più forte del momento, per una sistematizzata rivincita dei più deboli.Infine Y è un’istallazione all’interno della città, adattabile a piazze, cortili, luoghi chiusi, musei, parcheggi, distese incolte ed è fruibile da tutti a proprio piacimento. 

Non vi fate scrupoli a disturbare l’arbitro: 339.4796418, 347.5496766 

oppure scrivete a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.