afganistanARGENTINA

Biglietti

Ridotto di platea a 32,00€ 

Ridotto nei palchi 26,00€ 

Afghanistan Card: Il costo è di 50,00€ e può essere utilizzata per vedere le due parti ad un costo molto vantaggioso in platea

(25,00€ a biglietto anziché 40,00€) oppure in due per una sola parte.

Prenotazioni

Per usufruire della promozione scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  inserendo nell’oggetto

"Promo Afghanistan TBQ"

Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 - Roma

 

La storia dal 1842 ai giorni nostri con il grande affresco diretto da Ferdinando Bruni Elio De Capitani (Teatro dell'Elfo), epopea teatrale sul rapporto tra Occidente e Afghanistan. 

Una saga-evento divisa in due parti che ripercorre gli ultimi 170 anni d’Afghanistan, turbolenta e sanguinaria, attraverso i racconti commissionati dal Tricycle Theatre ai più interessanti autori della scena anglosassone

Afghanistan è un affresco storico che racconta il complesso e spesso fallimentare rapporto tra l’Occidente e l’Afghanistan, terreno di scontro che da sempre occupa una posizione strategica nello scacchiere mondiale. Un esperimento di drammaturgia teatrale a più voci, diviso in 13 stazioni. Una grande epopea riversata in scena per raccontare il presente attraverso il passato del Paese mediorientale dal 1842 ai giorni nostri, un’occasione di teatro per ripercorrere una storia fatta di modernizzazioni e fondamentalismi, di democrazia e colpi di stato, di libertà e guerre, ingerenze straniere e invasioni/invadenze delle superpotenze mondiali (Inghilterra, Unione Sovietica, Stati Uniti).A portare sui palcoscenici italiani questo imponente progetto, l’Elfo Puccini, da sempre sensibile alla drammaturgia anglosassone. «Afghanistan è metafora di tutti gli errori fatti in Asia – raccontano i registi Ferdinando Bruni e Elio De Capitani – ci sembra importante che vengano raccontati un paese e una storia di cui si sa così poco, ma che ci riguarda molto da vicino per riaffermare l’idea di un teatro che parla di civiltà continuando a essere vivo. Per capire quello che sta succedendo oggi, il dramma dei rifugiati, il terrorismo, la politica internazionale, occorre andare a fondo in una storia che inizia 180 anni fa». Il progetto Afghanistan – suddiviso in due parti che presentano undici dei testi originali – si concretizza con la realizzazione di due spettacoli indipendenti e complementari: Afghanistan: il grande gioco – prima parte (debuttato nel gennaio del 2017) e Afghanistan: enduring freedom – seconda parte.

Lo spettacolo andrà in scena suddiviso in due parti con una programmazione alterna: 

Il grande gioco (17 e 19 ottobre) e 

Enduring Freedom (18 e 20 ottobre),

per confluire nella maratona finale di domenica 21 ottobre.