E' stata pubblicata nel Supplemento n. 3 del BURL n.103 del 24 Dicembre 2019 la Determinazione n. G18055 del 19 Dicembre 2019, contenente la Graduatoria Unica Regionale Definitiva di Pediatria di libera scelta valida per l'anno 2020, predisposta ai sensi dell'art. 2 dell'ACN/2018 che sostituisce l'art. 15 dell'ACN 15/12/2005 e s.m.i., ed elaborata secondo ititoli ed i criteri di valutazione di cui all'allegato 1 del medesimo ACN/2018.

Per consultare la Determinazione e la relativa Graduatoria cliccare sul link sottostante:

Determinazione n. G18055.

In data odierna è stato diffuso il comunicato sul  protocollo d'intesa firmato questa mattina tra  l’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) e il Municipio II.  A sottoscrivere l'accordo collaborazione sono stati la presidente del municipio di Roma, Francesca Del Bello, e il presidente dei medici capitolini, Antonio Magi; presenti alla firma il consigliere e coordinatore dell’Area rapporti con i Comuni e Affari Esteri dell’OMCeO, Foad Aodi, e Laura Elena Pacifici, membro della Commissione Solidarietà e Cooperazione Internazionale.Tra i punti previsti dall’intesa c’è la costituzione di un tavolo interistituzionale in integrazione con la ASL RM1 con l’obiettivo di monitorare la sanità locale e il fabbisogno di servizi nel territorio, favorire lo scambio d’informazioni e il rapporto medici e cittadini a difesa del diritto alla salute, la promozione di iniziative congiunte con i rappresentanti delle associazioni di pazienti e i professionisti del settore sanitario. “E’ un ulteriore tassello che oggi poniamo nella costruzione di un rapporto sempre più capillare, stretto e istituzionale con il territorio e con i suoi residenti”, ha sottolineato Magi. “C’è necessità di rinsaldare la fiducia dei pazienti verso i medici e al contempo offrire più ascolto e presenza. Le istituzioni come i municipi possono interagire con noi per monitorare le possibili criticità e programmare meglio l’offerta di servizi. L’Ordine è un ente sussidiario dello Stato – ha ricordato il suo presidente – e come tale deve tutelare la salute dei cittadini oltre che vigilare sull’etica della professione. Essere presenti sul territorio, collaborare  con le istituzioni che lo governano, con i presidi sanitari e con i medici che vi operano è un nostro preciso dovere.”

TESTO COMUNICATO STAMPA

PROTOCOLLO DI INTESA

IMG 20191209 113654

IMG 20191209 113744

Con la Comunicazione n.140 la FNOMCeO ha trasmesso a tutti gli Ordini l'interpello n. 7/19 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali recante: "Medico competente della Polizia di Stato-Distanza dai luoghi di lavoro assegnati .Medico competente della Polizia di Stato – Iscrizione nella sezione d-bis dell'elenco dei medici competenti del Ministero della salute e aggiornamento ".

Per consultare la Comunicazione ed il relativo interpello cliccare sui link sottostanti:

Comunicazione n. 140 FNOMCeO.

Interpello n. 7/19 del Ministero del lavoro e delle politiche solciali.

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 284 del 4 Dicembre 2019 il Decreto del MEF del 22 Novembre 2019 contenente l'Individuazione di ulteriori soggetti tenuti alla trasmissione, al Sistema tessera sanitaria, dei dati relativi alle spese sanitarie, ai fini dell'elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata.

Per consultare il Decreto cliccare sul link sottostante:

Decreto del MEF del 22 Novembre 2019.

Nella Comunicazione n. 139 della FNOMCeO è stata trasmessa una nota del Ministero della Salute del 27 Novembre 2019 recante "Informazioni su terapia per Epatite C".

Per consultare la Comunicazione della Federazione e la relativa nota del Ministero cliccare sui link sottostanti:

Comunicazione n.139 FNOMCeO.

Nota del Ministero del 27 Novembre 2019.

E' stata pubblicata nel BURL n. 96 del 28 Novembre 2019 la Determinazione n. G16241 del 27 Novembre 2019, contenente la Graduatoria Unica Regionale Provvisoria di Pediatria di libera scelta valida per l'anno 2020.

Per visualizzare la Determinazione e la relativa Graduatoria cliccare sul link sottostante:

Determinazione n. G16241.

E' stata pubblicata nel BURL n. 96 del 28 Novembre 2019 la Determinazione n. G16167 del 26 Novembre 2019 contenente la graduatoria provvisoria della medicina generale valida per l'anno 2020 (domande presentate entro il 31 gennaio 2019).

Per visualizzare la Determinazione e la relativa Graduatoria cliccare sul link sottostante:

Determinazione n. G16167.

In data odierna è stato diffuso il comunicato dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO) in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne e il femminicidio.

"Il 25 novembre anche il nostro Ordine professionale partecipa, come già da molti anni, alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne e il femminicidio ribadendo il nostro impegno e supporto alla prevenzione e al contrasto di tutte le forme di violenza verso le donne”, dichiara iil presidente dei camici bianchi della Capitale, Antonio Magi. “Nel nostro ruolo di medici chiediamo alle forze di polizia di non sottovalutare mai le denunce presentate dalle donne, alla politica di inasprire le pene, agli educatori di insegnare il rispetto delle donne e a queste di non ignorfare eccessive gelosie, aggressività e, soprattutto, controlli ingiustificati sulla loro vita quotidiana. A tutti i medici chiediamo maggiore sensibilità e ascolto per le donne”, ricorda Magi.

La giornata contro le vittime di violenza sarà poi celebrata all’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma (OMCeO) l’11 gennaio 2020, coordinata dalle consigliere Rosa Maria Scalise e Cristina Patrizi, alla presenza del presidente e dell’intero Consiglio. 

TESTO COMUNICATO STAMPA

(DIRE) Roma, 21 nov. - "Una campagna importante perche' sottolinea il fatto che non solo un professionista della salute puo' salvare una vita. Ci sono delle manovre che possono arrestare una emorragia, e il tempo e' decisivo ai fini dell'impedire la morte di una persona. L'iniziativa e il corso di formazione di oggi hanno l'obiettivo di insegnare a tutti come agire correttamente in caso di emergenza. Come Ordine dei medici di Roma siamo molto sensibili a questo discorso visto che abbiamo aperto la nostra sede ai cittadini per insegnare proprio loro come comportarsi in caso di emergenza nei traumi da strada ma anche manovre di disostruzione nel caso di bambini che rischiano il soffocamento. In tutti questi casi bastano poche manovre per salvare una vita. Bisognerebbe mutuare il modello americano che prevede un corso di Blsd negli ultimi anni delle scuole superiori e riproporlo a tutti i nostri studenti". Cosi' Antonio Magi, presidente dell'Omceo Roma, parlando con l'agenzia di stampa Dire a margine della campagna di presentazione 'Stop the bleed' al Policlinico Umberto I di Roma.

(guarda l'intervista alla Dire)

Questa mattina, presso la sede dell'Ordine dei medici di Roma si è svolto un incontro tra il Presidente Magi e l'Amministratore unico di Ama, Stefano Zaghis. I due hanno parlato della situazione rifiuti a Roma e hanno diffuso il seguente comunicato stampa congiunto

TESTO COMUNICATO STAMPA

Questa mattina si è Costituita la Consulta socio-sanitaria tra il Comune di Cerveteri e l’Omceo di Roma, con la collaborazione della direzione generale e sanitaria dell’Asl Roma 4, composta da medici e professionisti della sanità ed esperti con il compito di ideare e programmare le iniziative di collaborazione istituzionale nei seguenti ambiti: monitoraggio della situazione della sanità locale; formazione e aggiornamento professionale in tema di salute; prevenzione e cura del benessere anche in chiave transculturale dei cittadini.

Obiettivo dell'iniziativa: migliorare il benessere personale, sociale e culturale della popolazione che vive e opera nel territorio di Roma e della Provincia. 

Di seguito il COMUNICATO STAMPA e il PROTOCOLLO sottoscritto

3

7

1

 

 

 

 

25 OTT - Intervenuto ad un Convegno sulla Legge Gelli e parlando di pubblicità ingannevoli nei casi di malasanità, il presidente Magi ricordando le iniziative messe in campo dalla Federazione e dagli ordini dei medici ha chiesto alla politica norme in grado di disincentivare il fenomeno delle cause temerarie 

Malasanià, denunciandola la combatti, fatti risarcire, rivolgiti all’agenzia di zona”; “Ti senti da solo contro i più forti? Proteggiti con noi, denuncia la malasanità!”; “Tutela legale malato: se pensi di aver subito un e danno derivante da casi di malasanità contattaci subito, zero spese di anticipo, pensiamo a tutto noi”. E ancora “Vittima di errore medico? Contattaci, hai dieci anni per ottenere un risarcimento!”. Questi sono alcuni claim pubblicitari in cui è facile imbattersi sfogliando un giornale, girando per le strade delle nostre città o guardando la televisione. In sostanza si tratta di inviti a fare causa ad una struttura o ad un medico qualora si ritiene di aver subito un danno derivante dalla cosiddetta “malasanità”.

 Pubblicità realizzate da società che lucrano sul dolore personale, per un intervento dall’esito inaspettatamente negativo, o sul dolore di chi ha perso una persona cara.

“Vietare la pubblicità ingannevole,
vietare per legge il patto quota-lite, sanzionare chi promuove cause temerarie, prevedere il risarcimento del danno al medico accusato ingiustamente”. Con queste quattro proposte si è chiuso l’intervento del Presidente dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della provincia di Roma, Antonio Magi, al Convegno sulla “Gestione della responsabilità professionale in un’azienda sanitaria a due anni dall’entrata in vigore della legge Gelli”, organizzato dall’Asl Roma 1.    

In particolare Magi è intervenuto sul fenomeno delle pubblicità ingannevoli nei casi di malasanità ricordando le iniziative di contrasto che la Fnomceo e l’Ordine di Roma hanno messo in piedi. Tra queste l’accordo tra Omceo e Ordine degli avvocati capitolini per frenare le richieste di risarcimento infondate, firmato lo scorso giugno, e le campagne che la Federazione nazionale dei medici ha promosso per mettere in guardia contro le “bufale” sul web e i consigli di “Dr Google”.

Parlando di pubblicità ingannevoli e di società “spregiudicate” che spingono i malati (o i loro congiunti) a chiedere risarcimenti per ipotetici interventi medici malriusciti, Magi ha ricordato come tutto questo si riverberi in costi per il Ssn (la famosa medicina difensiva) e in costi per la giustizia (con migliaia di cause, sia civili che penali, che a stragrande maggioranza si risolvono in un nulla di fatto). 

Il fenomeno, ha ribadito Magi, è però difficile da eradicare specie in quelle aree del Paese, in particolare nel mezzogiorno, dove la causa contro il medico o la struttura, in tempi di crisi, è vista come una possibilità di welfare.  

Da qui la richiesta alla politica – è la conclusione del presidente – di mettere in campo quei provvedimenti atti a “vietare la pubblicità ingannevole,
vietare per legge il patto quota-lite, sanzionare chi promuove cause temerarie, prevedere il risarcimento del danno al medico accusato ingiustamente”.

E' stata pubblicata nel BURL n. 86 del 24 Ottobre 2019 la Determinazione n. G14111 del 17 Ottobre 2019, contenente le Graduatorie dei medici per la copertura dei distretti carenti di assistenza primaria di cui alla Determinazione18 luglio 2019 n. G09823 - Pubblicata sul BUR - Lazio n. 59 del 23/07/2019.

Per consulatare la Determinazione e le relative Graduatorie cliccare sul link sottostante:

Determinazione n. G14111.

Con la Comunicazione n. 126 la FNOMCeO ha ritenuto opportuno segnalare che sulla Gazzetta Ufficiale 1° Serie Speciale - Corte Costituzionale - n. 40 del 2 Ottobre 2019 - è stata pubblicata la Sentenza n. 217 del 2019  con la quale la Corte Costituzionale ha dichiarato, in riferimento all'art. 3 Cost., l'illegittimità costituzionale dell'art. 131, comma 3, del D.P.R 30 Maggio 2002, n. 115, nella parte in cui prevede che gli onorari e le indennità dovuti al consulente tecnico di parte e all'ausiliario del magistrato siano previamente oggetto di intimazione di pagamento e successivamente eventualmente prenotati a debito (in caso di impossibilità di ripetizione), anzichè direttamente anticipati dall'erario.

Per visualizzare la sentenza della Corte Costituzionale cliccare sul link sottostante:

Sentenza n. 217 del 2019