Il Procuratore della Repubblica ed il Coordinatore Gruppo Uno,

sulla base dell'esperienza di questi primi anni dall'istituzione dell'elenco esperte/i ex art. 351, co. 1 ter., c.p.p. secondo un turno di urgenza su base giornaliera e tenuto conto delle modifiche normative introdotte dalla c.d. Legge "Codice Rosso" (L.69/2019) e dei provvedimenti organizzativi emanati in tema di contrasto alla violenza di genere e di tutella delle vittime in condizione di particolare vulnerabilità (tutti consultabili sul sito della Procura di Tivoli).

CMUNICANO CHE:

  1. A partire dal 1° Aprile 2022 non sarà più operativo l'elenco istituito in esito alla procedura di cui al bando pubblicato  in data 09/10/2019 sul sito web della Procura.
  2. Viene Istituito un'elenco di esperte/i in psicologia e/o psichiatria infantile per le attività previste dagli artt. 351 co.1 ter, e 362, co. 1 bis, c.p.p., nonchè in quelle strettamente collegate, e per le finalità previste dalla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla protezione delle persone minorenni dallo sfruttamento e dagli abusi sessuali - Lanzarote 25/10/2007, dalla Convenzione del Consiglio di Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica - Instanbul 11/05/2011, dalla Direttiva UE 29/2012 del 25/10/2012 - norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato, in linea con le attività della Procura della Repubblica di Tivoli per un sempre più efficace contrasto alla violenza di genere, alla violenza domestica, alla violenza sessuale, allo sfruttamento sessuale ed alla violenza contro i minori, ed una effettiva tutela delle vittime in condizione di particolare vulnerabilità come previsto dall'art. 90 quater c.p.p.

Le domande, corredate dalla documentazione necessaria, potranno essere inviate a partire dal 10 Marzo 2022 all'indirizzo pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per consultare l'Avviso della Procura cliccare qui.

Per saricare il modulo della domanda cliccare qui.

 

La FNOMCeO con Comuniczione n. 58 del 3 Marzo 2022 ha trasmesso la Circolare del Ministero della Salute 0004638-03/03/2022-SEGGEN-MDS-P- “Avvio della dematerializzazione delle ricette mediche per la prescrizione di farmaci non a carico del Servizio Sanitario Nazionale (D.M. 30 dicembre 2020)” invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Circolare del Ministero della Salute cliccare qui.

La FNOMCeO con Comuniczione n. 57 del 3 Marzo 2022 ha trasmesso la Circolare del Ministero della Salute 15502-P-02.03.22-DGPRE- “Aggiornamento Circolare del Ministero della Salute n. 3566 del 18 gennaio 2022 recante idoneità all’attività sportiva agonistica in atleti non professionisti guariti dal Covid-19 positivi” invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Circolare del Ministero della salute cliccare qui.

Nei giorni 1 e 2 aprile 2022, l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Pesaro-Urbino, con la collaborazione della Fondazione Scoliosi Italia Onlus, organizza presso l’hotel Flaminio a Pesaro un importante e interessante congresso sulla patologia della Colonna vertebrale.

Direttore scientifico e principale Relatore dell’evento sarà il Prof. Marco Brayda-Bruno, Responsabile Chirurgia vertebrale e scoliosi IRCSS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano. E’ uno dei primi convegni a livello nazionale, con finalità sociali, dedicato alla scoliosi e al mal di schiena, che Pesaro ospita per promuovere in particolare la prevenzione in età evolutiva con l’individuazione precoce delle asimmetrie del tronco o deviazioni deformanti, spesso invalidanti in età adulta anziana, per la giusta informazione in età scolare e adulta sulle corrette posture, per la diminuzione di assenze dal posto di lavoro e per contribuire alla diminuzione delle spese a carico del Servizio Sanitario Nazionale. 

Modalità e Quota d’iscrizione 

Per le iscrizioni che perverranno alla segreteria Intercontact entro il 18 marzo 2022:

•€ 50,00 (IVA inclusa) per tutti i partecipanti

•€ 20,00 (IVA inclusa) per gli Studenti in Scienze Motorie, Medicina Fisioterapia e per gli insegnanti 

Per le iscrizioni che perverranno alla segreteria Intercontact dopo il 18 marzo 2022:

•€ 90,00 (IVA inclusa) per tutti i partecipanti

•€ 30,00 (IVA inclusa) per gli Studenti in Scienze Motorie, Medicina Fisioterapia e per gli insegnanti 

La quota di iscrizione dovrà essere versata presso: Intercontact S.r.l. - Banca Intesa San Paolo (Agenzia Corso IX Settembre)

IBAN: IT88R0306913304100000063595

Inviare la contabile di avvenuto bonifico alla segreteria organizzativa Intercontact, unitamente alla alla scheda di iscrizione compilata.

Nella causale del bonifico vi preghiamo di specificare il Nome e Cognome del partecipante. 

In allegato il programma dell’evento e la scheda di iscrizione da inviare ad Intercontact via fax allo 0721.26773 - oppure per e-mail ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - oppure iscrizione on-line al sito www.intercontact-pesaro.it (sezione congressi e corsi ECM) unitamente alla fotocopia del bonifico bancario. 

PROGRAMMA CONGRESSO

SCHEDA ISCRIZIONE

La FNOMCeO con Comuniczione n. 56 del 2 Marzo 2022 ha trasmesso la Relazione all'audizione tenuta il 1 Marzo 2022 presso la Commissione Affari sociali della Camera dei deputati su: “indagine conoscitiva in materia di "distribuzione diretta" dei farmaci per il tramite delle strutture sanitarie pubbliche e di "distribuzione per conto" per il tramite delle farmacie convenzionate con il Servizio sanitario nazionale e attuazione dell'articolo 8 del decreto-legge n. 347 del 2001 (legge n. 405 del 200)”, invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Relazione cliccare qui.

“In queste settimane – spiega Valentina Grimaldi, pediatra e consigliere Omceo Roma – molti pediatri romani si sono rivolti al nostro Ordine per aver ricevuto nella propria casella di posta elettronica una comunicazione da parte di un’associazione autodefinita ‘social-spirituale’ che minaccia diffide legali ai pediatri impegnati nella campagna vaccinale e nella lotta contro il Covid19.

“Nella comunicazione si intimano i colleghi a ‘non somministrare il vaccino anticovid di qualsiasi marca e tipo ai bambini in età pediatrica’ considerato ‘illegittimo e nocivo’ pena - si legge ancora - ‘future e sicure prossime conseguenze in ambito civile e penale.

“Il linguaggio – aggiunge Grimaldi – inappropriato ed errato della lettera, i toni deliranti, nonché l’assoluta mancanza di fonti e riferimenti scientificamente validi, confermano la totale incongruenza dei messaggi contenuti nel comunicato.

“Il presidente dell’Ordine Provinciale di Roma dei medici chirurghi e odontoiatri, Antonio Magi, ha colto il bisogno di tutela manifestato dai colleghi pediatri e, per tutelare i propri iscritti e diffidare chiunque a minacciarli, sta esaminando attentamente la questione sia con l’ufficio legale ordinistico che con l’ordine degli avvocati”.

 

COMUNICATO STAMPA

La FNOMCEO con la Comunicazione n. 52 del 23 Febbraio 2022 ha trasmesso la Circolare del Ministero della Salute 13824-22/02/2022-DGPRE-DGPRE-P recante “Indicazione di utilizzo del vaccino anti COVID-19 Nuvaxovid (Novavax) nei soggetti di età pari o superiore a 18 anni” invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Circolare del Ministero della Salute cliccare qui.

Corrado Bibbolino per la Asl Roma 1, Giuseppina Maturani per la Asl Roma 3, Monica Moriconi per la Asl Roma 2 sono i nuovi delegati per la Sanita' presso le Aziende Sanitarie Locali di Roma, nominati dal sindaco Roberto Gualtieri. I delegati sono chiamati a svolgere funzioni di verifica e contribuiscono alla definizione dei piani programmatici sanitari per conto del Sindaco di Roma. Hanno il compito di rapportarsi con i direttori delle Asl e con i rappresentanti dei Municipi, oltre ad occuparsi delle Conferenze Sanitarie Locali.
La nomina dei tre delegati del sindaco per le tre Asl potrà rimettere rapidamente al lavoro le Conferenze Sanitarie Locali che rappresentano.

"Aver incaricato un medico come Corrado Bibbolino , presidente della commissione ordinistica per l’area radiologica alla Asl Roma1 - commenta con soddisfazione Antonio Magi, presidente dell'OMCeO Roma, insieme a due persone di grande esperienza come Pina Maturani e Monica Moriconi nelle altre Asl è un segnale positivo che va nella direzione di riannodare insieme ai medici, ai cittadini e agli altri operatori i fili che tengono insieme ospedale e territorio,sociale e sanitario , politica e società civile" "L’Ordine dei Medici capitolino - sottolinea Magi - proprio per il suo mandato istituzionale non può che apprezzare ogni gesto in questo senso, per ridare slancio e sinergie al sistema sanitario in ogni sua espressione, superando i sacrifici personali e le troppe criticità dell'emergenza pandemica."

La FNOMCEO con la Comunicazione n. 48 del 21 Febbraio 2022 ha trasmesso la Circolare del Ministero della Salute 0013209-20/02/2022-DGPRE-DGPRE-P recante “indicazioni sulla somministrazione della dose di richiamo (booster) nei soggetti con marcata compromissione della risposta immunitaria che hanno già ricevuto una dose addizionale a completamento del ciclo vaccinale primario nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19” invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Circolare del Ministero della Salute cliccare qui.

Per consultare la nota congiunta di Ministero della Salute, CSS, AIFA e ISS cliccare qui.

Fra le misure che sono contenute nel provvedimento approvato il 18 Febbraio dal Consiglio dei ministri, oltre ad altri 400 mln alle Regioni per spese Covid, 250 mln per acquisto antivirali, dopo la levata di scudi dei professionisti, sono stati stanziati 15 milioni di euro per l'anno 2022 in favore dei famigliari degli esercenti le professioni sanitarie, degli esercenti la professione di assistente sociale e operatori socio-sanitari deceduti a causa del Covid.

Servirà in ogni caso un decreto per disciplinare le modalità attuative.

“Abbiamo stanziato 15 milioni di euro per le famiglie dei professionisti sanitari che hanno perso la vita a causa del Covid. È un giusto riconoscimento che l'Italia deve a chi ha svolto il proprio lavoro per tutelare la salute di tutti noi”, ha commentato il Ministro della Salute, Roberto Speranza.

Per consultare la Bozza del Decreto cliccare qui.

Roma, 17 feb. - "Non è vero che ci sono 2.000 medici no-vax, è vero invece che su 47mila iscritti all'Ordine di Roma e provincia ci risultano 1.000 colleghi che devono chiarire la loro posizione e sui quali stanno partendo le verifiche, e non perché questi medici siano contro il vaccino ma perchè potrebbero averlo fatto all'estero o potrebbero lavorare fuori dall'Italia o, cosa ancora più probabile, aver contratto il virus nelle ultime settimane, com'è capitato a centinaia di migliaia di italiani". E' Antonio Magi, presidente dell'Ordine dei medici di Roma, a sgombrare il campo dalle false notizie su 2.000 presunti medici no-vax, come riportato da alcuni giornali.

"L'Ordine dei medici di Roma- spiega- si è dovuto dotare di una procedura chiara secondo le leggi vigenti e di alcune persone contrattualizzate ad hoc, per poter analizzare tutte le posizioni dei colleghi che ad oggi sono risultati inadempienti all'obbligo. Ma è un brutto segnale quello che si è voluto mandare alla cittadinanza, sostenendo che vi fossero tanti medici, per lo più professionisti, privi di vaccino: è un dato non suffragato dalla realtà e che spaventa le persone".

"Lunedì ci sarà un Consiglio dell'Ordine proprio per avviare la procedura di controllo e avviso verso tutti i colleghi, che avranno 5 giorni per chiarire la propria posizione. Sempre lunedì avremo anche l'incrocio dei dati del green pass e quelli dell'anagrafe vaccinale e finalmente avremo i numeri corretti dei medici da controllare, che non sono numeri di no-vax. Soltanto al termine di tali procedure sapremo quanti sono effettivamente i colleghi non vaccinati e per quali motivazioni. Fare corretta informazione è importante" chiosa Magi.

(Org/ Dire)

La FNOMCEO con la Comunicazione n. 45 del 17 Febbraio 2022 ha trasmesso la Circolare del Ministero della Salute 12279-16/02/2022-DGPRE-MDS-P recante “Proroga invio dati art. 40 allegato 3B” invitando gli Ordini, nell’ambito della propria competenza territoriale, a darne la massima diffusione in considerazione della rilevanza della fattispecie trattata.

Per consultare la Circolare del Ministero della Salute cliccare qui.

Roma, 16 feb. - "Come presidente dell'Omceo Roma ogni anno firmo centinaia di certificati per giovani medici che vogliono andare a lavorare all'estero, poichè ritengono che in Italia, per loro, non vi sia spazio". Lo ha denunciato il presidente dell'Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi, ospite del Tg5, nello spazio condotto da Luciano Onder.

Magi ha aggiunto che "per il nostro Paese si tratta di un danno duplice e di grandi proporzioni: da un lato il danno è economico, perchè la formazione di ogni laureato costa 41mila euro e, dunque, noi diamo agli altri Paesi, a 'costo zero', medici formati. L'altro danno è di tipo assistenziale-sanitario, perchè noi non abbiamo medici all'interno delle nostre strutture proprio perchè i giovani preferiscono andare altrove".

Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Roma e provincia "è opportuno rendere più attrattivo il Servizio sanitario nazionale, dare ai giovani maggiori possibilità di scelta, garantire retribuzioni a livello europeo, che sono quattro volte maggiori rispetto a quelle italiane, e dare ai medici maggiore riconoscimento come professionisti".

(Red)