Roma, 2 mar. - Si comunica a tutti gli Iscritti che e' stata data attuazione all'Accordo Quadro, siglato dall'Ordine Provinciale dei Medici-chirurghi e degli Odontoiatri di Roma, dall'Universita' di Roma La Sapienza e L'Universita' degli Studi di Roma Unitelma Sapienza, per la progettazione, realizzazione ed erogazione di Eventi formativi ECM-FAD, da tenersi nel corso dei prossimi tre anni.

I Corsi ECM-FAD sono a titolo gratuito per gli iscritti all'Ordine di Roma e rivestono la caratteristica di eventi formativi efficaci e qualificanti volti al continuo aggiornamento professionale degli iscritti OMCEO, accreditati al programma di formazione continua in medicina (ECM), previsto come formazione obbligatoria per i medici chirurghi e per gli odontoiatri italiani.

Roma, 2 mar. - In data 22 febbraio u.s., ad integrazione della costante interlocuzione con la Regione Lazio, l'OMCeO Roma ha inviato una lettera ai Direttori Generali delle ASL romane chiedendo risposte da chi fattivamente gestisce la campagna vaccinale attraverso i vari hub/centri vaccinali competenti e i riferimenti dei relativi referenti.

Con l'obiettivo di eliminare possibili anomalie legate ad errori di elaborazione, in allegato alla citata nota, a ciascuna ASL e' stato inviato l'elenco dei nominativi di competenza, cosi' come dichiarato dai singoli in fase di compilazione dell'apposito modulo online. Tale elenco e' stato ulteriormente suddiviso in base all'eta' anagrafica (under/over 65) per consentire una piu' agevole identificazione del tipo di vaccinazione da somministrate in relazione a quanto recentemente stabilito dall'AIFA.

Roma, 2 mar. - "Centinaia di medici di medicina generale nel Lazio non sono ancora stati vaccinati o perche' hanno patologie per le quali, se sono al di sotto dei 65 anni, non possono ricevere le dosi di AstraZeneca ma solo quelle di Pfizer o Moderna, o perche', e sono molti, non sono ancora stati chiamati". Risponde cosi' il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito ai medici vaccinati nel Lazio.

GIUSTO AVVIARE CAMPAGNE, MA A MMG DOSI INSUFFICIENTI - "Continuiamo giustamente ad aprire le campagne vaccinali a tutti quanti e il prima possibile ma il problema e' che il numero dei vaccini non e' sufficiente.

Roma, 2 mar. - "La pandemia di Covid-19 ci ha ricordato il potere dei vaccini e l'importanza che questi hanno nel garantire la sicurezza anche dei bambini". Cosi' ha esordito alla cerimonia di premiazione del '2020 EU Health Award' Stella Kyriakides, commissaria europea alla Salute.

Il premio onora le citta', le scuole e le ong che hanno un impatto positivo sulle loro comunita', promuovendo un corretto stile di vita tra i giovani, dai neonati ai giovani adulti a partire dai 18 anni.

"Sappiamo che uno stile di vita sano e' fondamentale per una vita migliore e per ridurre le possibilita' di cancro e il nostro obiettivo e' fare in modo che le scelte sane siano le scelte piu' facili", ha concluso Kyriakides.

Roma, 2 mar. - "Non dobbiamo deflettere da un impegno unico, abbiamo una sola strada davanti a noi. I dati dei contagi tra le persone vaccinate e quelli relativi ai Paesi che sono avanti nelle somministrazioni ci dicono una sola cosa, inequivocabile: bisogna vaccinare, occorre che il sistema si riappropri della sua capacita' di approvvigionamento. Se lo faremo, potremo tornare a godere delle cose, dallo spettacolo dello sport alla cultura, a tutto il resto. In altre parole, riappropriarci della nostra vita". Lo ha detto il direttore sanitario dell'Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, a margine di una iniziativa con la Figc.

Roma, 2 mar. - A seguito delle recenti disposizioni ministeriali sulla campagna vaccinale anti CoVID-19, AME ritiene importante fare alcune precisazioni relative alle endocrinopatie, in particolare sulla Tiroidite di Hashimoto e sul conseguente allarme generatosi tra gli operatori sanitari e tra le persone affette sul vaccino AstraZeneca. La societa' scientifica ha pubblicato uno statement su sicurezza e con indicazioni sui vaccini legati alle endocrinopatie indirizzato ai pazienti, agli operatori sanitari e alle Istituzioni sanitarie.

I vaccini attualmente utilizzabili. Sono attualmente disponibili tre vaccini contro SARS-CoV-2, tutti disegnati per indurre un'immunizzazione verso la Spike Protein utilizzata dal virus per penetrare nelle cellule ospiti.

Roma, 2 mar. - Esiste un legame genetico che possa spiegare perche', su 10 positivi, solo uno sviluppa i sintomi piu' gravi, ovvero la cosiddetta tempesta citochinica finendo in rianimazione? È quello che si sta cercando di capire nel laboratorio di genetica molecolare test covid-19 dell'universita' di Chieti con uno studio guidato dal direttore Liborio Stuppia, intervistato dall'agenzia Dire per fare il punto sulla situazione Covid in Abruzzo. Ed e' proprio sulle varianti che si sta conducendo la ricerca che, se dovesse trovare risposte positive, rappresenterebbe una vera e propria rivoluzione nell'approccio alla malattia e la cura sui pazienti positivi.

- È possibile che vi sia un legame tra il Dna e la possibilita' di sviluppare sintomi piu' gravi della malattia? "Ognuno di noi e' diverso come le dicevo.

Roma, 2 mar. - Il diabete e' in continua crescita in tutti i paesi europei. Fra il 2008 e il 2014 il numero di cittadini europei con diabete e' cresciuto di 4,6 milioni, ovvero del 28 per cento in sei anni, con una crescita 24 volte maggiore rispetto a quella della popolazione nello stesso periodo. Questa crescita e' evidente anche In Italia, dove Istat stima che dal 2000 al 2019 le persone con diabete siano aumentate di circa il 60 per cento, passando dal 3,8 per cento della popolazione al 5,8 per cento (ovvero oltre 3 milioni e mezzo di persone).

Roma, 2 mar. - "Oggi nel Lazio, su oltre 11mila tamponi molecolari e oltre 26mila antigenici per un totale di oltre 37mila test, si registrano 1.188 casi positivi, 29 decessi e 1.087 i guariti. Aumentano i casi, i decessi e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi e' al 10%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale e' al 3%". E' quanto afferma l'assessore regionale alla Sanita', Alessio D'Amato.

A Roma i nuovi casi sono 644. Nella Asl Roma 1 sono 287 e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso gia' noto.

Roma, 2 mar. - Inaugurata la nuova Terapia Intensiva al piano -1 dell'ospedale di Tivoli. Un nuovo reparto destinato all'area critica Covid, realizzato in tempi record, lavorando senza sosta, affrontando quotidianamente le difficolta' che questo periodo di pandemia comporta, per consegnare ai cittadini e agli operatori, il prima possibile, un nuovo spazio, dotato di nuove tecnologie. Attivi gia' 6 dei 12 posti di Area Critica che e' dotata di nuove strumentazioni e tecnologie. Nei giorni scorsi sono stati installati i nuovi letti, i monitor e le centrali di monitoraggio, il portatile raggi X, un ecotomografo, sistemi per ossigenoterapia ad alti flussi, ventilatori polmonari, sistemi di videolaringoacopia per intubazioni difficili.

Roma, 2 mar. - Dimostrare ed esprimere con un gesto simbolico la gratitudine del mondo del calcio agli operatori sanitari del Paese, figure fondamentali nel contrasto alla pandemia. Con questo obiettivo il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha fatto visita questa mattina all'Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma: il numero uno della Federcalcio ha consegnato 600 palloni a medici e infermieri impegnati in prima fila nella lotta al Covid-19. Un gesto che ha rinnovato la collaborazione avviata con l'ospedale romano durante il primo lockdown.

"Oggi siamo qui a testimoniare la gratitudine del mondo del calcio a tutti gli operatori sanitari. Voglio inoltre ringraziare il direttore sanitario Francesco Vaia- ha spiegato Gravina- per aver voluto collaborare con la nostra commissione medica federale, dando un grande contributo alla stesura del nostro protocollo e individuando una serie di precauzioni per svolgere la nostra attivita'".

Roma, 2 mar. - Hanno preso il via le vaccinazioni ai pazienti oncologici ed ematologici presso l'Istituto Tumori IFO - Regina Elena e San Gallicano. L'Assessore alla Sanita' della Regione Lazio, Alessio D'Amato ha visitato il Centro Vaccinale IFO insieme al direttore generale degli Istituti, Francesco Ripa di Meana, e degli oncologi Francesco Cognetti, direttore Oncologia Medica 1 e presidente di FOCE, Federico Cappuzzo, Direttore della Oncologia Medica 2, Andrea Mengarelli, Direttore della unita' clinica di Ematologia dell'IRCCS Regina Elena.

Sono oltre 3.000 i pazienti in cura al Regina Elena che saranno contattati per la vaccinazione, cui si aggiungeranno i pazienti del San Gallicano in cura per patologie gravi e con grave compromissione del sistema immunitario.

Roma, 1 mar. - "Circa 400 medici di medicina generale nel Lazio non sono ancora stati vaccinati o perche' hanno patologie per le quali, se sono al di sotto dei 65 anni, non possono ricevere le dosi di AstraZeneca ma solo quelle di Pfizer o Moderna, o perche', e sono molti, non sono ancora stati chiamati". Risponde cosi' il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito ai medici vaccinati nel Lazio.

GIUSTO AVVIARE CAMPAGNE, MA A MMG DOSI INSUFFICIENTI - "Continuiamo giustamente ad aprire le campagne vaccinali a tutti quanti e il prima possibile ma il problema e' che il numero dei vaccini non e' sufficiente.

Roma, 1 mar. - Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il Generale di Corpo d'Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19. A Domenico Arcuri i ringraziamenti del Governo per l'impegno e lo spirito di dedizione con cui ha svolto il compito a lui affidato in un momento di particolare emergenza per il Paese.

Il Generale Francesco Paolo Figliuolo, originario di Potenza, ha maturato esperienze e ricoperto molteplici incarichi nella Forza Armata dell'Esercito, interforze e internazionale.

Ha ricoperto l'incarico di Capo Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore della Difesa, dal 7 novembre 2018 e' Comandante Logistico dell'Esercito.

Roma, 1 mar. - "Piu' risorse e spese meglio: questa e' la doppia sfida, perche' non si puo' immaginare una riforma in una fase in cui si taglia". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo oggi alla presentazione dei dati del Programma nazionale esiti (PNE) 2020 di Agenas. "Spesso purtroppo nella storia del nostro Paese attorno alla parola 'riforme' si sono nascosti tagli, contrazioni, riduzione dei servizi- ha proseguito Speranza- Invece noi dobbiamo poter riformare e migliorare il nostro Servizio sanitario nazionale in una nuova fase espansiva dove ci sono piu' risorse e piu' possibilita'. E dovremmo farlo da subito, anche in questa fase difficile che stiamo attraversando".

Roma, 1 mar. - 'I dati del Programma nazionale esiti confermano un graduale miglioramento della qualita' delle cure a livello nazionale su tutte le aree cliniche analizzate'. Cosi' il direttore generale di Agenas, Domenico Mantoan, commentando i dati del Programma nazionale esiti (PNE) 2020 di Agenas, in collaborazione con l'Istituto superiore di Sanita' e con il dipartimento di Epidemiologia della ASL Roma 1, presentati oggi durante una conferenza stampa al ministero della Salute. Il Programma ha l'obiettivo di valutare l'efficacia, l'appropriatezza, l'equita' di accesso e la sicurezza delle cure garantite dal Servizio sanitario nazionale. L'edizione 2020 (disponibile all'indirizzo: https://pne.agenas.it/) analizza 177 indicatori (72 sugli esiti e i processi assistenziali, 75 sui volumi di attivita' e 30 sui tassi di ospedalizzazione) in relazione ai seguenti ambiti clinici: cardio e cerebrovascolare, digerente, muscolo-scheletrico, pediatrico, ostetrico e perinatale, respiratorio, oncologico, urogenitale e malattie infettive.

Roma, 1 mar. - È da poco uscita su Accounts of Chemical Research una review di Alessandra Magistrato, ricercatrice dell'Istituto officina materiali del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Iom) di Trieste, che offre un quadro completo dello stato dell'arte della ricerca sul funzionamento dello spliceosoma, un macchinario molecolare che consente la sintesi proteica e che puo' essere responsabile di piu' di 200 malattie, tra cui diversi tipi di tumori e leucemie. Nell'articolo si mettono in rilievo le tappe con cui, attraverso simulazioni atomistiche, e' stato possibile raggiungere l'attuale conoscenza del meccanismo di splicing regolato dallo spliceosoma, cosi' da procedere nella ricerca di farmaci e molecole per la prevenzione e la cura delle malattie associate al suo malfunzionamento.

Roma, 1 mar. - Una diagnosi su due persa dall'inizio della pandemia, 36.000 quelle attese per il 2020, con potenziali, gravissime ricadute sull'incremento di nuovi casi in stadi piu' avanzati della malattia nei prossimi anni. Ecco il cancro alla prostata al tempo del Covid-19, fotografato nel corso di una conferenza stampa virtuale dalla Fondazione PRO.

"Si tratta del secondo tumore con maggior incremento annuo (+3.4%), dopo il melanoma (+7.3%) per gli uomini under 50- riferisce il Prof. Vincenzo Mirone, ordinario di Urologia dell'Universita' Federico II di Napoli e Presidente di Fondazione PRO- In Italia sono oltre 564.000 gli uomini che devono convivere con questa patologia, con un'eta' media di 72 anni al momento della diagnosi.

Roma, 1 mar. - "Oggi nel Lazio, su oltre 9mila tamponi molecolari e oltre 6mila antigenici per un totale di oltre 15mila test, si registrano 1.044 casi positivi, 28 decessi e 1.094 guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi e' all'11%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale e' sotto al 6%". E' quanto afferma l'assessore regionale alla Sanita', Alessio D'Amato, aggiungendo che "aumentano i ricoveri, e' un segnale di forte attenzione".

A Roma i nuovi casi sono 519. Nella Asl Roma 1 sono 204 e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso gia' noto.

Roma, 1 mar. - "E' stato raggiunto l'accordo con la medicina territoriale per vaccinare anche i soggetti vulnerabili dai medici di medicina generale (MMG) con i farmaci a mRNA. Questa ulteriore indicazione si aggiunge a quella relativa alla popolazione under 65 anni, iniziata a partire da oggi, e consente ai mmg di partecipare in modo pro attivo anche alla vaccinazione prioritaria dei soggetti estremamente vulnerabili. Al fine di facilitare il compito la Regione mette a disposizione delle Asl e dei singoli medici l'elenco dei loro assistiti che rientrano nelle categorie previste dalla circolare del Ministero della Salute. A questi elenchi andranno aggiunti i soggetti eleggibili a seguito di valutazione clinica del professionista.

Roma, 1 mar. - E' partita questa mattina nel Lazio la vaccinazione anti-Covid da parte dei medici di medicina generale. Le somministrazioni sono iniziate per i nati nell'anno 1956 (65 anni) con il vaccino AstraZeneca e poi si andra' avanti con gli anni a seguire. Molto pero' dipendera' dall'arrivo delle dosi. A Roma sono diversi gli studi interessati, in particolare nel territorio dell'Asl Roma 1.

"Per noi e' una giornata importante perche' tutti i medici sono in condizione, attraverso una piattaforma, di prenotare con la loro Asl di riferimento- ha detto alla Dire il direttore generale dell'Asl Roma 1, Angelo Tanese, che ha visitato l'ambulatorio di cure primarie di Piazza Istria-.