Roma, 31 lug. - Si invitano tutti coloro che non hanno ancora provveduto a comunicare la propria PEC - cioe' il proprio domicilio digitale - ad adempiere a tale obbligo di legge.

A tale proposito, si fa presente che il Governo con il recente D.L. 16 luglio 2020 n. 76, recante "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale" ha stabilito che nel caso di violazione di tale obbligo da parte di un proprio iscritto, l'Ordine di appartenenza e' tenuto a comminare "la sanzione della sospensione dal relativo albo o elenco fino alla comunicazione dello stesso domicilio".

Pertanto, si sollecitano tutti gli Iscritti che ancora non hanno provveduto, a comunicare tempestivamente all'Ordine la propria PEC per evitare che l'Ordine stesso, in ottemperanza alla suddetta disposizione governativa, debba procedere con la dichiarazione di sospensione dall'Albo.

A tale riguardo si fa presente che la comunicazione della PEC deve pervenire esclusivamente tramite PEC e non con mail semplice. Si comunica, inoltre, che SONO ESONERATI coloro che hanno la PEC fornita dall'Ordine, poiche' gia' in possesso dell'Ente.

A tal fine, si ricorda che l'OMCeO di Roma mette a disposizione degli Iscritti la possibilita' di attivare gratuitamente una casella di posta elettronica certificata nella sezione riservata.

Per registrarsi alla sezione riservata:https://areariservata.ordinemediciroma.it/galileo/webgui/public/register/preRegistration.xhtml

La PEC puo' anche essere richiesta dalla nuova APP gratuita dell'Ordine scaricabile sia da Google Play che dall'App Store ai seguenti link:

http://play.google.com/store/apps/details?id=it.ised.amoroma

https://apps.apple.com/it/app/a-m-o-roma/id1489156608

(Red)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2020/luglio/31/?news=C03