Roma, 15 set. - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unita' malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, e' intervenuto nella trasmissione 'L'imprenditore e gli altri', condotta dal fondatore dell'Universita' Niccolo' Cusano Stefano Bandecchi e dal direttore Gianluca Fabi su Cusano Italia Tv.

Sulla lattoferrina, proteina anti-covid. "E' una ricerca italiana alla quale ho avuto il piacere e l'onore di partecipare, e' un prodotto naturale, che serve a stimolare la nostra immunita'. E' un prodotto molto presente nei neonati. Abbiamo visto che somministrando la lattoferrina si protegge molto l'immunita' delle persone, gli infetti da covid 19 riescono a liberarsi del virus molto prima rispetto a dei soggetti che sono infettati, ma non prendono questo prodotto.

E' una sostanza che va a chiudere le porte al virus nelle cellule. Un'azione che sembra molto promettente. Ovviamente stiamo allargando gli studi, ma certamente e' un dato molto interessante. Lo studio ha riguardato finora 100 persone affette da covid, una numerosita' ancora modesta, che necessita di ulteriori dati. Siccome questo e' un prodotto naturale che si trova con molta facilita', molte persone hanno iniziato ad assumerlo e quindi e' un qualcosa che nella pratica si sta gia' fortificando come dato. Pero' ovviamente, per serieta', dobbiamo aspettare risultati piu' ampi per avere ulteriori certezze".

Sul Covid-19. "E' un virus che si comporta in maniera anomala, noi siamo abituate nelle infezioni acute come influenza, raffreddore o polmonite, il virus ha una durata breve. Questo virus invece addirittura puo' rimanere nell'organismo per piu' di 100 giorni. E' un virus nuovo che ci sta insegnando tante cose. Non e' facile dare delle risposte, e' un mondo tutto da scoprire per noi. Abbiamo aspettato l'estate perche' immaginavano che questo virus si affievolisse, tendesse a scomparire. Questo non e' successo, perche' questo e' virus che si adatta perfettamente alle nostre cellule rispetto ad altri coronavirus. Si e' poco interessato del cambiamento climatico, anzi durante l'estate si e' molto rinvigorito come numero di infezioni, anche a causa dei nostri comportamenti. In autunno noi staremo molto meno all'aperto e piu' in luoghi chiusi, questa semplice banalita' aumentera' il numero di casi. L'ambiente chiuso facilita il contagio quindi in quelle situazioni dovremo stare particolarmente attenti. Ogni volta che stiamo al chiuso dobbiamo mantenere degli atteggiamenti di distanziamento e uso delle mascherine ancora piu' attento di quello che facciamo attualmente".

Sulla riapertura delle scuole. "La scuola doveva essere riaperta, tra le tante istituzioni importanti per la societa', la scuola e' fondamentale. Sul come doveva essere aperta potremmo parlare all'infinito, non esiste una risposta assoluta. Chi avesse una risposta certa che garantisse la massima sicurezza l'avrebbe detta e sarebbe stata applicata. Abbiamo imparato qual e' il sistema per contenere le infezioni, sappiamo quali sono le misure da mettere in atto. Sicuramente non sono semplici, pero' esistono".

Sui ricoveri. "Qualche settimana fa i nuovi casi avevano una media di 25 anni, oggi e' salita a 35 anni. Questo vuol dire che dalla strada l'epidemia sta tornando nelle case. Man mano che la mediana dell'eta' salira' e iniziera' ad arrivare a 40-45-50 anni gli ospedali si riempiranno di piu', le terapie intensive si riempiranno di piu'. Questa e' la responsabilita' che in questo momento i giovani hanno, sono i veri baluardi contro l'epidemia".

(Comunicati)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2020/settembre/15/?news=N02