(DIRE) Roma, 15 ott. - Nel Lazio i laboratori d'analisi privati potranno effettuare, oltre ai test rapidi antigenici, anche il tampone molecolare per la ricerca del Covid, che finora era esclusivamente prerogativa delle Asl. A prevederlo un "addendum" dell'accordo siglato tra la Regione Lazio e le associazioni di categoria Aiop, Anisap, Federlazio e Unindustria. L'obiettivo e' di limitare le lunghe file nei drive-in.

Secondo la procedura concordata, il tampone rapido sara' utilizzato come primo screening dei casi sospetti. Chi risultera' positivo, potra' effettuare subito il tampone molecolare. Il costo sara' sempre quello calmierato di 22 euro, senza maggiorazioni in caso di secondo tampone.

I laboratori privati che riscontreranno un positivo al test antigenico, dovranno dare immediata comunicazione del caso sospetto alla Asl attraverso la piattaforma informatica, effettuare all'utente il prelievo mediante tampone naso-faringeo e registrarlo sulla piattaforma Recup con assegnazione di un laboratorio validato dall'Istituto Spallanzani nella rete Coronet, oltre che ad effettuare il trasporto del campione.

"E' un atto di grande responsabilita' da parte dei privati effettuare anche i test molecolari per alleggerire i drive-in- ha detto, all'agenzia Dire, la presidente di Aiop Lazio, Jessica Faroni- In questo modo si snelliscono le procedure e il sistema e' in grado di testare piu' persone".

L'Unita' di crisi Covid-19 della Regione Lazio ha sottolineato che "per verificare che non vi siano situazioni opportunistiche, l'elenco dei privati che hanno aderito all'accordo verra' trasmesso all'Autorita' garante del mercato e ai Carabinieri dei Nas per le opportune verifiche. Stamani e' gia' partita la prima diffida ad una struttura che ha triplicato il prezzo di riferimento".

VERSO PRENOTAZIONE ONLINE DRIVE-IN PER ABBATTERE CODE - La Regione, pero', si sta muovendo anche su un altro fronte.

Continuano, infatti, le lunghe file nei drive-in di Roma e del Lazio per effettuare il tampone molecolare per la ricerca del Covid. Per questo motivo la Regione sta lavorando a un sistema di prenotazioni online che dovrebbe partire a breve. I primi ad essere interessati saranno quelli che anche oggi sono risultati tra i piu' intasati: Santa Maria della Pieta', Centro Carni di via Togliatti e Casal Bernocchi. Per prenotare bisognera' inserire su una piattaforma dedicata il numero di tessera sanitaria, il numero di ricetta dematerializzata e indicare una delle fasce orarie.

(Mel/ Dire)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2020/ottobre/15/?news=N07