Roma, 22 feb. - "Il protocollo d'intesa firmato al Ministero della Salute fra le Regioni e i rappresentanti dei medici di famiglia apre, nei fatti, una nuova fase del piano vaccinale anti Covid". È ottimista il Presidente della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici, Filippo Anelli, che accoglie con favore la sigla dell'accordo tra Governo, Regioni e Sindacati che costituisce una cornice nazionale per il coinvolgimento dei medici di medicina generale nella campagna di vaccinazione anti-Covid.

"Avendo a disposizione nel Paese una rete capillare e prossima al cittadino di 40 mila medici vaccinatori i medici di famiglia, appunto, e disponendo, ovviamente, di un numero sufficiente di vaccini, sara' possibile, in tempi relativamente brevi, sottoporre a vaccinazione gli anziani, i pazienti piu' fragili e quelli affetti da particolari patologie- continua- E questo con le stesse modalita' utilizzate, tra novembre e dicembre e ormai da tempo, per somministrare il vaccino antinfluenzale".

"Si potra' fare il vaccino nello studio del proprio medico, a domicilio o presso strutture individuate dalle Regioni- conclude Anelli- Il rapporto di alleanza che lega il medico al paziente, la conoscenza approfondita e costante delle condizioni cliniche del cittadino aiuteranno a raggiungere, in un clima di serenita' e fiducia, gli obiettivi fissati dal piano di vaccinazione, nel rispetto della dignita' di ogni persona".

(Comunicati)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2021/febbraio/22/?news=N01