Roma, 30 apr. - Il ministro della Salute, Roberto Speranza, e il ministro dell'Economia e delle Finanze, Daniele Franco, hanno firmato il decreto per lo screening nazionale gratuito per il virus dell'Epatite C (Hcv). Grazie alle risorse stanziate, pari a circa 70 milioni di euro per il biennio 2020-2021, il provvedimento mira a migliorare la possibilita' di diagnosi e trattamento precoce della malattia, nonche' ad interrompere la circolazione del virus impedendo nuove infezioni.

"Il decreto approvato oggi rappresenta uno strumento prezioso per il miglioramento della diagnosi precoce dell'epatite C- afferma il ministro Speranza- Una terapia tempestiva, grazie ai farmaci di ultima generazione, puo' portare alla guarigione ed evitare l'insorgenza di nuovi casi.

Continuiamo a lavorare ogni giorno per una sanita' pubblica sempre piu' vicina alle persone".

Le operazioni di screening saranno rivolte a tutta la popolazione nata negli anni tra il 1969 e il 1989, ai soggetti seguiti dai Servizi pubblici per le Dipendenze (SerD) e ai detenuti in carcere. Per un'ampia adesione all'iniziativa, saranno avviate campagne di informazione rivolte alla cittadinanza sull'importanza della diagnosi precoce dell'epatite C e specifiche iniziative di formazione per il personale sanitario coinvolto.

SPERANZA: IN ITALIA ALMENO 250MILA PERSONE NON SANNO DI AVERE INFEZIONE - "In Italia si stima ci siano almeno 250mila persone non consapevoli dell'infezione, per questo la prevenzione e' fondamentale. Continuiamo a lavorare ogni giorno per una sanita' pubblica piu' vicina alle persone" ha scritto poi su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza.

"Entro qualche mese- ha aggiunto- tutti i nati tra il 1969 e il 1989 e le categorie piu' a rischio, potranno accedere gratuitamente alla diagnosi e all'eventuale terapia per l'HCV".

(Red)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2021/aprile/30/?news=N02