Roma, 17 giu. - "Non ci sono le condizioni. Manderemmo in giro un malato di morbillo a diffondere la malattia? No. E lo stesso dobbiamo fare con il Covid, per solidarietà ai soggetti più fragili per i quali la malattia può avere esiti gravi. Non dobbiamo sovraccaricare gli ospedali". Ha commentato così Filippo Anelli, presidente nazionale degli Ordini dei Medici (Fnomceo) la possibilità che il governo decida per uno stop all'obbligo di isolamento domiciliare per chi risulta positivo al virus SarsCoV2.

"I contagi sono in risalita i ricoveri ospedalieri sono in leggero aumento, abbiamo ancora quasi 400 morti a settimana: il consiglio è quello di riflettere, perché non ci sono le condizioni per eliminare l'isolamento domiciliare per i positivi.

Tutti i medici conoscono le procedure per evitare il diffondersi di malattie altamente contagiose: fidiamoci dei medici", ha concluso Anelli.

(Red)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2022/giugno/17/?news=N01