Roma, 22 set. - "Quanto accaduto lunedì scorso presso il pronto soccorso dell'Ospedale San Camillo è molto grave ma è solo l'ennesimo episodio di violenza che, pur senza il coinvolgimento diretto di operatori sanitari, dimostra l'importanza e l'urgenza di tornare a dotare questi luoghi di prima accoglienza dei presidi di pubblica sicurezza". Lo sottolineano il Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi e il Presidente dell'Ordine degli Infermieri di Roma Maurizio Zega commentando l'aggressione avvenuta all'interno dell'ospedale romano.

"Come Ordini dei Medici e degli Infermieri - aggiungono - vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai colleghi della struttura e torniamo a chiedere con forza la presenza delle forze dell'ordine nei pronto soccorso perché è lì che si verificano con maggior frequenza gli atti di violenza".

"Vogliamo anche ringraziare - concludono Magi e Zega - il corpo dei Carabinieri che con il suo intervento ha evitato che altre persone venissero coinvolte in questa aggressione, tra queste sicuramente il personale sanitario, i medici e gli infermieri che hanno medicato la coppia aggredita".

(leggi il comunicato ufficiale)

(Red)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2022/settembre/22/?news=C01