Roma, 21 set. - "Il nuovo numero unico 116117, per interventi medici non urgenti, darà un grosso aiuto al nostro sistema di assistenza. Un numero da chiamare per situazioni di disagio fisico che non siano di pronto intervento, per il quale si possono ricevere indicazioni mediche utili, e che aiuterà a non ingolfare gli ospedali". Lo ha detto Enrico Coscioni, presidente di Agenas (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), intervenendo questa mattina su Radio Club91, nella trasmissione Barba e capelli di Corrado Gabriele.

"La nostra grande sfida- ha continuato Coscioni- sarà lo sviluppo della nuova assistenza territoriale, per poi integrare in parallelo il settore sanitario con quello sociale, per fare sistema.

A queste andranno agganciate le cure territoriali e le cure primarie. Poi la telemedicina, la trasformazione dei modelli con la rivoluzione tecnologica. Tante cose da fare, su cui ci sentiamo pronti e di cui c'è bisogno. Durante il Covid sono saltati più di 1 milione e 700mila ricoveri nel 2020 e 1 milione e 200mila nel 2021: gente che non si è curata adeguatamente, non ha fatto prevenzione; sono cose che pagheremo. Abbiamo già una maggiore incidenza di infarti perché le persone, pur di non andare in ospedale, sono rimaste a casa, trascurando i segnali da cogliere rapidamente. Ci saranno conseguenze sul medio e lungo periodo, che dobbiamo essere preparati ad affrontare", ha concluso Coscioni.

(Red)

Content Original Link:

http://direnl.dire.it/odm/anno/2022/settembre/21/?news=N03