Si comunica agli Iscritti che, causa attacco informatico, Aruba sta procedendo al blocco delle caselle PEC di cui sospetta una violazione.

Le caselle così bloccate, in fase di autenticazione, daranno il seguente messaggio :

Errore di autenticazione del Server SMTP e risulteranno limitate: alla ricezione e lettura messaggi (mentre risulterà impossibile inviare PEC) all'accesso al pannello di Gestione (dove, utilizzando il link "PecLog",  sarà possibile visualizzare l'esistenza di eventuali invii impropri).

Per ripristinare tutte le funzionalità originali della casella PEC, i sanitari interessati potranno richiedere lo sblocco direttamente ad Aruba utilizzando il seguente numero telefonico:

Assistenza Clienti Aruba per Posta Elettronica Certificata PECl’assistenza è disponibile tutti i giorni chiamando il numero

+39 02 50041309

(vedi: Numeri di assistenza Clienti Aruba)

L’ORDINE informa i propri iscritti che sono in corso tentativi di fraudolenti effettuati tramite l’invio di email o PEC apparentemente attribuibili all’Ordine

Il testo della email si conclude con l’invito a cliccare su un link per accedere al dettaglio delle dichiarate irregolarità dal quale non si accede, in realtà, a nessun indirizzo ufficiale dell’INPS. 

Anzi è possibile che il link rimandi a un qualche sito dal quale verrebbe automaticamente scaricato del software maligno (malware) pertanto si consiglia di non cliccare sul link che compare nella email.

Spett. 

la presente si notifica di aver proceduto al controllo della posizione contributiva sopra riportata relativamente a: Emissione da 06/2019.

L'avviso di addebito n.                              che costituisce titolo esecutivo ai sensi dell'art. 30, comma 1, del DL n. 78/2010 convertito con modificazioni in Legge n. 122/2010,

è allegato alla presente e riguarda i contributi accertati e dovuti a titolo di Gestione Aziende con lavoratori dipendenti per l'importo totale, comprensivo delle spese di notifica

e degli oneri di riscossione, di: ________ euro 

Il dettaglio e le motivazioni sono riportate nella sezione "DETTAGLIO DEGLI ADDEBITI E DEGLI IMPORTI DOVUTI" dell'avviso di addebito sopra identificato.

Si ricorda a tutti gli iscritti di non dare seguito a richieste ambigue ricevute via email e di accedere alle informazioni o ai servizi dell’Ordine attraverso il sito  www.ordinemediciroma.it

La FNOMCeO con la comunicazione n. 96 ci ha segnalato la risposta n. 211 del 27 Giugno 2019 da parte dell'Agenzia dell'Entrate che ha chiarito la corretta modalità di emissione della fattura elettronica a seguito della liquidazione del Giudice del compenso spettante le operazioni peritali svolte in una causa civile.

In particolare si sottolinea che l'Agenzia dell'Entrate ha rilevato che i compensi spettanti al CTU per le operazioni peritali svolte, cui è obbligata una parte in causa priva di partita IVA, non sono soggetti alla ritenuta d'acconto IRPEF.

Ciò detto, ricevuto il pagamento dalla parte, il CTU dovrà emettere la fattura nei confronti dell'Amministrazione della Giutizia, nella quale dovrà essere evidenziato espressamente che la "la solutio avviene con denaro fornito dalla/e parte/i individuata/e dal provvedimento del giudice".

Pertanto, ai fini della ritenuta:

 

  • se la parte è ricompresa tra i soggetti che rivestono la qualifica di sostituto d'imposta, il CTU dovrà darne evidenza nella fattura trattandosi di compensi costituenti reddito di lavoro autonomo. In tali casi, infatti, la ritenuta dovrà essere versata all'Erario non dall'Amministrazione della Giustizia, ma dalla parte soccombente, titolare passivo del rapporto di debito nei confronti del CTU ed esposta all'obbligo di sopportare l'onere economico;

 

  • se la parte non riveste la qualifica di sostituo d'imposta, la ritenuta d'acconto IRPEF non dovrà essere operata e, pertanto, non dovrà essere evidenziata in fattura dal CTU.

 

 

Per consultare la comunicazione dellla FNOMCeO cliccare sul link sottostante:

Comunicazione n 96 FNOMCeO.

 

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 188 del 12 Agosto 2019, il Decreto del Ministero della Salute del 6 Agosto 2019, contenente un'ulteriore proroga del termine di utilizzo della graduatoria di cui all'articolo 9, comma 5, del decreto 7 marzo 2006 e successive modificazioni, concernente «Principi fondamentali per la disciplina unitaria di formazione specifica in medicina generale», limitatamente al corso 2018/2021 di formazione specifica in medicina generale. 

Per consulatre il Decreto cliccare sul link sottostante:

Decreto del Ministero della Salute. 

 

E' stato pubblicato nel BURL n. 58 del 18 Luglio 2019, il Decreto del Commissario ad Acta 3 luglio 2019, n. U00249 contenente i Contratti di formazione specialistica aggiuntivi regionali per l'accesso di medici alle Scuole di Specializzazione di Area Sanitaria agli Anni Accademici 2018-2019 e 2019-2020. 

Per consultare il Decreto e la definizione del finanziamento, delle specialità e dei requisiti regionali cliccare sul link sottostante:

Decreto del Commissario ad Acta 3 luglio 2019, n. U00249.

AVVISO 

L’art. 16 quater del D.Lgs. 502/92 e s.m.i. dispone che la partecipazione alle attività di formazione continua costituisce requisito indispensabile per svolgere l’attività professionale, come previsto anche dal nostro Codice Deontologico art.19 “Aggiornamento e formazione professionale permanente”.  

L’ORDINE DEVE ASSOLVERE L’OBBLIGO DI VERIFICA DEL RAGGIUNGIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI DEI PROPRI ISCRITTI A PARTIRE DA GENNAIO DEL 2020 

PERTANTO 

SOLLECITIAMO TUTTI GLI ISCRITTI MEDICI ED ODONTOIATRI AD ASSOLVERE ALL’OBBLIGO FORMATIVO INDIVIDUALE PER I TRIENNI 2014-2016 e 2017-2019 MEDIANTE L’ACQUISIZIONE DEI CREDITI ECM ENTRO IL 31.12.2019, INVITANDOVI A COLLEGARVI ALL’ AREA RISERVATA COGEAPS PER CONSULTARE CIASCUNO LA PROPRIA POSIZIONE ECM: http://application.cogeaps.it/cogeaps/login.ot 

La Commissione Nazionale ha adottato una delibera finalizzata ad incentivare i professionisti sanitari all’assolvimento del proprio aggiornamento dando la possibilità di: 

  • recuperare i crediti mancanti per il completamento dell’obbligo formativo individuale del triennio 2014/2016, spostando i crediti acquisiti nel triennio 2017/2019 entro il 31/12/2019, (i crediti spostati, ovviamente non potranno essere piu’ imputati al triennio 2017/2019);  
  • assolvere al proprio obbligo formativo secondo le seguenti attività formative:
    • Corsi Ecm Residenziali gratuiti erogati dall’OMCeO di Roma
    • FAD-Formazione A Distanza – erogati gratuitamente dalla FNOMCeO
    • Pubblicazioni scientifiche
    • Sperimentazioni cliniche
    • Eventi formativi all’estero
    • Tutoraggio
    • Autoformazione (20% dei crediti dovuti al netto di esenzioni/esoneri) 
  • Esenzione per gli iscritti agli albi in pensione che esercitano saltuariamente l’attività professionale 

VI COMUNICHIAMO PERTANTO CHE, QUALORA ENTRO IL 31/12/2019, NON ABBIATE SODDISFATTO L’OBBLIGO FORMATIVO PER ENTRAMBI I TRIENNI, L’ORDINE SARA’ COSTRETTO AD AVVIARE L’ITER PROCEDURALE IN SEDE DISCIPLINARE

Si è svolta ieri pomeriggio, all’interno del Ninfeo del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, la manifestazione, patrocinata tra gli altri dall’Omceo capitolino, dedicata alla buona sanità. Assegnati venti riconoscimenti, con i premi “Roma Salute” e “San Camillo ”, a medici, operatori del settore, aziende, associazioni, società scientifiche, selezionati per l’eccellenza del loro operato.  “Aver contribuito a diffondere la Buona Sanità rappresentando casi di eccellenza nel mondo dell’assistenza e delle professioni sanitarie, del volontariato, del governo clinico e dell’innovazione”. Per questi importante meriti la Fondazione San Camillo- Forlanini assegna ogni anno, quella che si è svolta ieri è la quinta edizione, il riconoscimento “Eccellenze in Sanità” 2019. Ad intervenire i principali rappresentanti delle istituzioni e del mondo sanitario a conferma del riconoscimento del settore per l’impegno della Fondazione nel valorizzare l’eccellenza sanitaria e la ricerca biomedica. “Con questo Premio annuale – ha affermato il presidente, Prof. Eugenio Santoro- la Fondazione vuole porre in luce le tante realtà positive che rendono il nostro sistema sanitario tra i migliori al mondo e rafforzare la fiducia degli italiani nella qualità di un’offerta sanitaria che di decennio in decennio consente la crescita continua della nostra aspettativa di vita”.    Il Comitato Scientifico, presieduto dal Professor Giovanni Minisola, ha convenuto di premiare, tra gli altri, il Centro per la Fecondazione Assistita dell’Ospedale Pertini, diretto dal Professor Rocco Rago, il Professor Nicola Mangialardi, Primario di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale San Camillo, la Dott.ssa Ilde Coiro, Direttore Generale dell’Ospedale San Giovanni, l’ANDOS, Associazione Nazionale Donne Operate al Seno, rappresentata dalla Presidente Dott.ssa Flori Degrassi, il Professor Giovanni Rocchi, Professore Emerito di Clinica Medica dell’Università Tor Vergata, il Professor Angelo Lotti, per molti anni Primario Pediatra dell’Ospedale San Camillo e, per l’innovazione, il “Progetto LemGo” realizzato da Sanofi Genzyme ed Healthcare Network Patners, per il supporto digitale di assistenza ai malati di sclerosi multipla. Un Premio speciale degli Amici della Fondazione San Camillo andrà ai genitori del piccoloPasquale Angelosanto, “per la loro straordinaria riconoscenza alla Neonatologia del San Camillo”, dove è stato assistito il loro bambino nato prematuramente. Il Premio, patrocinato dal Ministero della Salute, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio e dell’Ordine dei Medici di Roma, ha visto la partecipazione dell’ex Ministro della Salute Rosy Bindi, dalla giornalista Bianca Berlinguer, di Antonio Magi, Presidente dell’Omceo capitolino, dei Direttori Generali Fabrizio d’Alba, Vincenzo Panella e Francesco Ripa di Meana, alla guida di Aziende ospedaliere romane (rispettivamente San Camillo-Forlanini, Umberto I e Istituti Fisioterapici ospedalieri-IFO).  “In un momento di grande difficoltà per la professione medica, difficoltà  che si riverbera inevitabilmente sul nostro Ssn, riconoscere e premiare le eccellenze  della sanità rappresenta un incentivo per tutti quei medici che ogni giorno, con il proprio lavoro, rinnovano il giuramento di Ippocrate”. Così il presidente Antonio Magi commentando a margine la scelta dell’Omceo di patrocinare la manifestazione. "Come presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Roma – ha concluso – sono particolarmente fiero di quei colleghi che con la loro opera hanno contribuito a diffondere la buona sanità".

 

Stefano SImoni

Portavoce del Presidente

Ordine Provinciale di Romadei Medici-Chirurghi e Odontoiatri

Via G.B. De Rossi, 9 – 00161 Roma

Tel: 06 4417121 - Cell.328 06 49 942

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.ordinemediciroma.it

Si informa che è attivo un protocollo d'intesa tra l'Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO)  e l'Ente Nazionale per il Microcredito (ENM), che ha l'obiettivo di mettere a disposizione dei medici e degli odontoiatri, in particolare dei giovani laureati che devono intraprendere la professione, le possibilità offerte dal microcredito e dalla microfinanza in un'ottica di innovazione sociale e, contemporaneamente, di sviluppo e diffusione della cultura in questo campo. L’accordo è stato siglato dal presidente dell’Ordine, Antonio Magi, e dal presidente dell’Ente, Mario Baccini, con durata triennale.

cliccare sul Protocollo per la versione integrale

ENM

Per informazioni 06/86956900 - 06/86956913 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  PRINCIPI GENERALI 

I principi generali dell’informazione sanitaria devono fondarsi sulla liceità del messaggio informativo, atteso che è impossibile tipizzare in maniera esaustiva e completa tutte le ipotesi di informazioni sanitarie non consentita. 

L’esercizio delle attività di controllo demandate all’Ordine Professionale sono sempre orientate alla tutela del paziente e al rispetto dell’etica professionale nella prestazione odontoiatrica. 

La trasparenza del messaggio deve sempre considerare l’asimmetria  informativa tra professionista e paziente: i dati delle comunicazioni informative devono essere il più possibile completi ed esaustivi ai fini della veridicità e piena comprensibilità del messaggio da parte del paziente.  

I principi generali hanno come obiettivo la tutela della salute del paziente che deve ritenersi sempre prioritaria rispetto alla finalità pubblicitaria/commerciale. 

Il contenuto dell’informazione sanitaria non può avere quale unico oggetto il costo della prestazione sanitaria e le relative modalità di pagamento; nel caso in cui venga indicato anche il costo della prestazione, la tariffa proposta non deve essere tale da pregiudicare la qualità del trattamento odontoiatrico. 

Le prestazioni gratuite possono essere pubblicizzate soltanto da enti senza fini di lucro, con specifiche finalità di prevenzione e cura di carattere sociale e che non facciano alcun riferimento a loghi o marchi di carattere commerciale e per periodi di tempo determinati. 

Le immagini ed il testo dell’informazione sanitaria devono essere sempre funzionali all’oggetto della stessa. 

Le espressioni adoperate per pubblicizzare discipline e tecniche praticate devono essere conformi alle denominazioni condivise e utilizzate in ambito scientifico, senza ingenerare  equivoci sul possesso di titoli e/o specializzazioni non riconosciuti in sede accademica. 

Le indicazioni qui riportate sono applicabili alle informazioni sanitarie diffuse su qualsiasi mezzo di comunicazione.   

  

ELEMENTI COSTITUTIVI L’INFORMAZIONE SANITARIA  

Ai fini dei principi qui enunciati, si intende per pubblicità qualsiasi messaggio promozionale e/o suggestivo orientato a finalità prevalentemente commerciali.

L’informazione sanitaria è invece una comunicazione improntata a veicolare messaggi utili alla consapevolezza delle scelte del paziente, funzionale a garantire la sicurezza dei trattamenti sanitari e finalizzata alla tutela della sua salute senza ingenerare falsi bisogni di cura. 

Premesso pertanto il divieto in sanità di qualsiasi messaggio pubblicitario non informativo, sono consentite le comunicazioni informative relative a prestazioni e trattamenti completi e non parziali.

Qualora il messaggio contenga indicazioni relative al prezzo della prestazione, data l’impossibilità di valutare a priori la diagnosi e il conseguente specifico piano di trattamento, lo stesso deve essere omnicomprensivo senza ulteriori oneri e, comunque, prevedere sempre un range minimo e massimo di costo riferito al proprio tariffario (principio di trasparenza).  

Si conferma il divieto di pubblicizzare dispositivi medici, essendo tuttavia consentita l’informazione sanitaria sulla metodica ed eventuali marchi utilizzati, finalizzati a valorizzare la qualità e la tipologia della prestazione e sempre nel rispetto delle disposizioni previste dal Codice di Deontologia Medica. 

Il messaggio utilizzato per informare sulla denominazione della struttura sanitaria deve corrispondere alla tipologia di attività per la quale è stata concessa l’autorizzazione sanitaria o comunque inviata comunicazione alle autorità competenti. 

Sarà costituito un osservatorio permanente volto a monitorare e aggiornare le presenti linee guida rilevando eventuali criticità e promuovendo nuove iniziative. 

Il Presidente Commissione Comunicazione e Pubblicità in Odontoiatria Nicola Illuzzi  

I Componenti: Paolo Amori, Vincenzo Aloisantoni, Marco Canegallo, Sandro Forte, Maria Maddalena Giungato, Nicola Marchitto, Vincenzo Mascellaro, Andrea Tuzio  

Di seguito il podcast relativo all'intervista rilasciata dal Presidente, Dott. Antonio Magi a ‘Genetica oggi’, trasmissione di Radio Cusano Campus in cui ha parlato, tra l’altro, del programma sanità del neo segretario Pd, Nicola Zingaretti, di Lea e le liste di attesa.

Di seguito il filmato relativo all'intervista rilasciata dal VicePresidente, Dott. Pierluigi Bartoletti a Le Iene sul caso "Soldi in nero e esami finti: medico sfrutta i pazienti stranieri?"

Di seguito il filmato relativo all'intervista rilasciata dal Presidente, Dott. Antonio Magi a Uno mattina in famiglia sul caso trip advisor dei medici ovvero di quei siti che permettono di giudicare strutture e professionisti sanitari.

Sabato mattina, 2 marzo, Antonio Magi, presidente Omceo Roma, in rappresentanza della Fnomceo parteciperà alla trasmissione televisiva di Rai 1, “Uno mattina in famiglia”, condotta da Ingrid Muccitelli e Luca Rosini. Nel corso del programma, che andrà in onda dalle 08:25 alle 10:45, si parlerà dei trip advisor dei medici ovvero di quei siti che permettono di giudicare strutture e professionisti sanitari.

Il Presidente, il Consiglio Direttivo dell'OMCeO di Roma e il personale dell'Ordine esprimono al collega Foad Aodi sentito cordoglio per la perdita della cara mamma.