Si rende noto agli iscritti che in merito alla vicenda dell'ambulatorio infermieristico “SEE AND TREAT” costituito con deliberazione n. 384 del 20 marzo 2015 della Direzione Generale ASL RM C presso il Presidio Sanitario Integrato di Santa Caterina della Rosa, via Niccolò Forteguerri n. 4 nel Distretto Sanitario 6, l'Ordine è intervenuto direttamente presso la Regione Lazio e la FNOMCeO.

Di seguito il testo delle note al riguardo inviate:

 

REGIONE LAZIO

FNOMCeO

Dal 31.03.2015 è entrato in vigore l’obbligo per i professionisti di emettere la fattura elettronica verso la Pubblica Amministrazione, condizione necessaria affinché l’Amministrazione proceda al pagamento della prestazione professionale.

Le amministrazioni pubbliche non potranno più accettare le fatture in formato cartaceo.

Gli Iscritti, che intrattengono rapporti di lavoro con la Pubblica Amministrazione, avranno l’obbligo di trasmettere le fatture in formato elettronico (.XML), firmato digitalmente.

Pertanto, questo Ordine, al fine di agevolare i propri Iscritti alla compilazione, trasmissione e conservazione per la durata di dieci anni della fatturazione elettronica, ha provveduto ad attivare una convenzione con la società Visura s.p.a. di natura non esclusiva, riservandosi di attivare eventuali ulteriori convenzioni con altre società, qualora dovessero pervenire offerte economiche più soddisfacenti per gli Iscritti.

I costi previsti per la fruizione del servizio in convenzione sono:

Si porta a conoscenza degli iscritti la Comunicazione n. 25 del 16.04.2015 della FNOMCeO relativa all'Elenco dei Medici compententi istituito dal Ministero della Salute presso la Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria ai sensi del DM 04.03.2009 pubbligato in GU n. 146 del 26.06.2009.

 

TESTO COMUNICAZIONE FNOMCeO

In allegato il comunicato relativo all’incontro tenutosi tra l’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma e le organizzazioni sindacali di categoria del territorio laziale per recepire le osservazioni in merito al servizio ambulatoriale “See&Treat” (“Vedi&Tratta”) attivato presso il Presidio Sanitario Integrato Santa Caterina della Rosa da parte dell’ASL-RMC, dedicato alle cosiddette urgenze minori e gestito soltanto da professionalità infermieristiche.

Si porta a conoscenza degli iscritti la Comunicazione n. 20 della FNOMCeO con la quale i Presidenti degli Ordini ed il Ministero della Salute sono stati informati del parere espresso dal Consiglio di Stato, sez. II, n. 486 del 19.02.2015 inerente quanto in oggetto indicato.

 

TESTO COMUNICAZIONE 20 FNOMCeO

PARERE CONSIGLIO DI STATO

Si comunica che è indetta l’Assemblea ordinaria degli iscritti, presso  il Centro Congressi Frentani in Roma – Via dei Frentani, 4 - in prima convocazione venerdì 17 aprile 2015, alle ore 9:30 e, in seconda convocazione, domenica 19 aprile 2015, alle ore 10:00, con il seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Approvazione verbale Assemblea del 13 Aprile 2014;
  2. Comunicazioni del Presidente;
  3. Ratifica esercizio finanziario  provvisorio 2015;
  4. Conto Consuntivo esercizio finanziario 2014. Relazioni ed approvazione;
  5. Bilancio di previsione esercizio finanziario 2015. Relazioni ed approvazione;
  6. Varie ed eventuali.

L’iscritto che non possa intervenire può delegare un altro iscritto. Per la delega deve essere utilizzato l’apposito spazio previsto in calce al presente avviso.

Ciascun iscritto NON può essere portatore di più di due deleghe.

La documentazione inerente la seduta assembleare è consultabile sul sito www.ordinemediciroma.it  e presso la Segreteria dell’Ordine, ove disponibile in copia dal giorno 13 aprile 2015.

IL PRESIDENTE

Dott. Roberto Lala

 

convocazione assemblea

 

In allegato il comunicato nel quale l'Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Roma esprime forte preoccupazione per il servizio denominato "SEE AND TREAT" ("Vedi e Tratta") attivato dal 23 marzo scorso presso il Presidio Sanitario Integrato Santa Caterina della Rosa nel Distretto Sanitario 6 dell'ASL-RMC. Presso tale Presidio, infatti, opera un ambulatorio affidato a infermieri che intende offrire - a pazienti con età anagrafica a partire dai 6 anni - soluzioni a "urgenze minori" e "trattare problemi non complessi che possono riguardare diverse branche (oculistica, otorinolaringoiatria, problemi muscolo-scheletrici, odonto-stomatologici, gastrointestinali, urinari, traumatologici, dermatologici)" e altre patologie elencate nella delibera aziendale n. 384 del 20/03/2015.

Come noto, il nostro Ordine professionale ha realizzato in collaborazione con l'Istituto di Studi Giuridici del Lazio "Arturo Carlo Jemolo" un importante progetto formativo mirato ad accrescere le conoscenze e competenze dei nostri iscritti nell'ambito della Mediazione e nella gestione dei conflitti attraverso la conoscenza delle tecniche di comunicazione e negoziazione. Questo progetto formativo, avviato dal mese di ottobre 2014, ha rappresentato nel suo genere una novità nel panorama formativo nazionale in quanto, oltre ai contenuti previsti dalla normativa vigente in materia di mediazione civile, le lezioni sono state mirate ai bisogni formativi dei medici.

Con deliberazione n. 44/2015 del 19 marzo 2015 è stata approvata la bozza del codice di comportamento dei dipendenti dell'Ordine.
Contestualmente è stato approvato l'avvio della procedura di consultazione ai sensi dell'art. 54, comma 5, del D.Lgs 30 marzo 2001 n. 165.

 

CODICE DISCIPLINARE E CODICE DI CONDOTTA

 

 

 

 

L'Ordine, con deliberazione consiliare n. 43 del 19 marzo 2015, ha indetto una selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e determinato, da inquadrare nell'Area B, Livello economico B1.

Il bando di selezione e la domanda di partecipazione sono scaricabili dal seguente link

Dopo le innumerevoli prese di posizioni pervenute da più settori del mondo professionale medico, e il deciso intervento a sostegno dei giovani aspiranti specializzandi in medicina generale, da parte dell' Ordine dei Medici di Roma, il Ministro ha approvato il prolungamento dei tempi di scorrimento della Graduatoria.

Prorogata al 31 marzo la polizza sanitaria UNISALUTE proposta dall'E.N.P.A.M.

 

Per adesioni, documenti e informazioni visitate www.enpam.it/polizza-sanitaria.


Per chiedere un supporto su come compilare il modulo online potete chiamare il numero 0644163417, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 19.00.

Con il comma 303 dell'art.1 della legge n. 190 del 23 dicembre 2014 viene introdotto l'obbligo per le migliaia di medici necroscopi italiani di trasmettere per via telematica all'INPS il certificato necroscopico redatto al capezzale del defunto. L'Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma esprime forte perplessità e contrarietà per questa nuova incombenza telematica a carico della categoria.

"Non comprendiamo né la ragione né la valenza giuridica di tale norma - commenta il presidente dell'Ordine, Roberto Lala - come pure il motivo per cui un compito squisitamente medico-legale possa essere gravato da un obbligo amministrativo finalizzato, evidentemente, alla cessazione di prestazioni economiche dovute al soggetto in vita: erogazione di pensioni, di indennità di accompagnamento, ecc."

La funzione del rilievo necroscopico e della relativa certificazione – che per norma dello Stato deve avvenire non prima di 15 ore e non oltre le 30 dall'avvenuta certificazione del decesso - è di evitare una morte apparente e che venga inumato un soggetto in realtà ancora in vita. Attualmente le certificazioni necroscopiche pervengono poi ai competenti uffici delle amministrazioni comunali che provvedono alla cancellazione anagrafica del soggetto dichiarato morto e già alla trasmissione all'INPS di tale dichiarazione definitiva.

"Ci stupisce – sottolinea Lala - che il legislatore non abbia tenuto conto delle procedure legali già in essere per l'accertamento della morte e che abbia potuto pensare di porre in capo ai medici anche questa ennesima incombenza amministrativa. L'inoltro all'INPS della definitiva certificazione di morte è una competenza già attribuita, correttamente, agli uffici anagrafici che recepiscono quotidianamente le certificazioni necroscopiche; uffici cui spetta, quindi, anche l'onere di predisporre e attivare l'inoltro telematico, se ancora non si fossero attrezzati per farlo".

 

TESTO COMUNICATO

L'INPS ha diramato la circolare n. 33/2015 del 13.02.2015, recante le disposizioni in merito al rilascio dell’applicazione, ad uso dei medici che accertano i decessi, per la trasmissione telematica all’INPS della “comunicazione di constatazione del decesso”, attraverso il portale INTERNET dell’Istituto.

 

TESTO COMPLETO