Si informano tutti gli iscritti che il giorno 22 Aprile 2011, venerdì Santo, l'Ordine chiuderà alle ore 12,00.
La certificazione on line, come questo Ordine ha più volte pubblicamente denunciato, continua a provocare moltissime difficoltà ai colleghi.
I medici vogliono fare la loro parte ma senza dover essere vittime di decisioni affrettate e spesso inappropriate.
Siamo ancora in attesa che i Ministeri competenti facciano ulteriormente slittare la data del 31 gennaio p.v. per la messa a regime del sistema e che si rivedano le sanzioni previste indegne di un Paese civile.
Abbiamo cercato in numerosi colloqui con il Ministero della Salute e dell’Economia di risolvere il problema del rilascio dei Pin per i medici non dipendenti e non convenzionati, molti dei quali ne hanno assoluta necessità, per esempio nelle sostituzioni dei Medici di Medicina Generale.
Nell’esclusivo interesse dei colleghi abbiamo inoltre dato la nostra disponibilità a distribuire i PIN, richiedendo contestualmente che anche le Aziende Sanitarie fossero delegate a tale scopo.
A nessuno pare importi che moltissimi medici risiedono ed operano molto lontano dalla sede ordinistica.
Ci pare remota la possibilità che le Aziende vengano coinvolte, come confermato recentemente dalla Dott.ssa Ugenti del Ministero della Salute e puerile la giustificazione che il sistema pubblico “conosca” solo i medici dipendenti e convenzionati.
E’ paradossale infatti che venga chiesto ai medici di collaborare al miglioramento dell’informatizzazione, e non pretendere che le Aziende Sanitarie, proprio attraverso un semplice collegamento informatico con gli Ordini, possano identificare, in tempo reale, prima del rilascio del Pin, chiunque svolga esclusivamente la libera professione.
Come spesso avviene chi ci Governa, ai vari livelli istituzionali, chiede a noi, gratuitamente e con minacce di gravi sanzioni ulteriori impegni, non dimostrando, di meritarli.
Ad oggi gli uffici dell’Ordine hanno provveduto a consegnare i Pin, necessari per l’invio telematico delle certificazioni mediche, anche nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, ai numerosissimi colleghi che hanno inoltrato apposita richiesta.
Si ritiene che, esaurita la fase di emergenza, il rilascio dei Pin possa essere effettuato nel consueto orario di apertura.
Pertanto, coloro che non hanno ancora provveduto, potranno recarsi presso l’ufficio Segreteria medici dal lunedì al giovedì (9.00/13.00 – 15.15/17.00) ed il venerdì (9.00/13.00)
In allegato le Notizie Flash del corrente mese

notizie flash 4 2011.pdf
Come già indicato dall’Ordine nella comunicazione del 24/01/2011, per alcune categorie di dipendenti pubblici è rimasta in vigore la normativa che prevede il rilascio di certificati medici cartacei, con diagnosi e prognosi.
Si riporta nuovamente l’informativa in quanto il Ministero dell’Interno ha rilevato, in alcuni dei casi in questione, l’invio del certificato con la procedura telematica.
Le informazioni sulle categorie interessate e la procedura sono quelle riportate nella notizia del 21 gennaio, cui si fa rinvio.


Gli uffici dell’Ordine hanno provveduto a consegnare i Pin, necessari per l’invio telematico delle certificazioni mediche, anche nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, ai numerosissimi colleghi che hanno inoltrato apposita richiesta.

Ad oggi si ritiene che,esaurita la fase di emergenza, il rilascio dei Pin possa essere effettuato nel consueto orario di apertura.

Pertanto, coloro che non hanno ancora provveduto, potranno recarsi presso l’ufficio Segreteria medici dal lunedì al giovedì (9.00/13.00 – 15.15/17.00) ed il venerdì (9.00/13.00)



Presentata oggi in Campidoglio la prima Mappa dei Conflitti nella Capitale

ROMA, AUMENTA IL CONTENZIOSO MEDICO-PAZIENTE: +15% DAL 2005 MA IN 6 ANNI SOLO 2.372 CAUSE A FRONTE DI MILIONI DI ATTI SANITARI

Sottoscritta una convenzione tra Ordine dei medici e Camera di Conciliazione

comunicato conflitti medici pazienti a roma.pdf
I Sanitari che intendono comunicare all’Ordine il conseguimento di un titolo di Specializzazione o di Master possono compilare il modulo “Dichiarazione sostitutiva di certificazione”, reperibile sul sito www.ordinemedicirorna.it - Home Page — Modulistica, che dovrà essere inviato, debitamente compilato e corredato dalla copia di un documento d’identità.Sarà cura dell’Ordine effettuare le dovute verifiche presso gli Atenei interessati.


NELLA GIORNATA DI IERI CI E' STATO COMUNICATO DALLA SOGEI CHE E' STATA RISOLTA LA PROBLEMATICA RELATIVA AL MESSAGGIO DI ERRORE "CODICE ASL NON CORRETTO".

LA SOGEI HA INOLTRE COMUNICATO CHE DAL MONITORAGGIO EFFETTUATO SONO STATI GIA' CORRETTAMENTE INOLTRATI ALCUNI CERTIFICATI DI MALATTIA DA PARTE DI MEDICI ABILITATI MEDIANTE LE PROCEDURE MESSE A DISPOSIZIONE DALL'ORDINE.
Il Consiglio Direttivo dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Roma ha elaborato e approvato in data 15.02.2011 le “Linee Guida in tema di Pubblicità/Informativa sanitaria” che semplificano, per gli studi singoli o associati, la procedura e prevedono l’utilizzo di ulteriori veicoli pubblicitari. nel rispetto delle leggi vigenti e del Codice Deontologico; inoltre, introducono una nuova prassi per quanto concerne le autorizzazioni dei siti internet alle strutture sanitarie.

pubblicità sanitaria.pdf

Nel tentativo di ridurre al minimo il disagio per gli iscritti, prosegue, nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, il rilascio dei codici PIN per le certificazioni di malattia on line, agli iscritti che ne hanno fatto richiesta tramite l'apposita procedura.

Ad oggi, a seguito delle numerose segnalazioni di malfunzionamento effettuate dall'Ordine alla SOGEI, si è avuta rassicurazione che il sistema sarà funzionante nel corso della giornata del 1 MARZO P.V..

Secondo quanto dichiarato dalla SOGEI, il messaggio di "errore" che appare nella fase di invio del certificato si riferisce "ad un diagnostico rilasciato dal sistema INPS a fronte di un controllo territoriale ridondante sulla posizione del medico".

Si invitano gli iscritti, ove tale malfunzionamento si prolungasse oltre la data prevista per il ripristino, a volerlo segnalare all'Ordine, che interverrà presso le sedi competenti. .

 

 

RIPORTIAMO DI



In allegato il comunicato stampa

inps e falsi invalidi.doc
Raccolta e conservazione del sangue cordonale in Italia

position statement su sangue cordonale.pdf